domenica 24 Gennaio 2021

Pittura e materiali edili sversati a Punta Campanella

Punta Campanella inquinamento

Aveva ripreso solo da qualche settimana la sua attività al servizio di una ditta edile, dopo il lockdown causato dal Coronavirus. E ha pensato bene di sversare direttamente in mare la pittura bianca e materiali di scarto edile con i quali stava ristrutturando un’abitazione a pochi metri dalla spiaggia a Massa Lubrense, nel cuore del Parco Marino di Punta Campanella.

L’ episodio, accaduto il 5 maggio scorso, segnalato con foto e video, aveva suscitato un certo clamore. Una enorme macchia bianca, addirittura anche un pennello, galleggiava nel trasparente e pulito mare in località San Montano, nei pressi del porticciolo di Marina Lobra. Le immagini avevano fatto il giro dei social e di diversi giornali locali della penisola sorrentina e della provincia di Napoli. La Capitaneria di Porto è allora intervenuta e dopo 15 giorni di indagine ha individuato il colpevole. Un operaio di una ditta edile della zona. Che ora è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata.

“Le attività di controllo e vigilanza sul litorale di competenza continueranno senza sosta anche nei prossimi giorni – ha dichiarato il Capitano di Fregata Ivan Savarese, comandante della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia – La Direzione Marittima di Napoli ha pianificato una serie di pattugliamenti in tutta la Campania al fine di tutelare l’ambiente e l’ecosistema marino, che proprio in questo periodo ha visto un miglioramento dello stato delle acque a seguito del lockdown.”

Anche il presidente e il direttore del Parco Marino di Punta Camapnella, Michele Giustiniani e Antonino Miccio, sottolineano l’importanza dei controlli post lockdown e la necessità di punire in modo esemplare chi continua a devastare l’ambiente marino.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia