lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Pinna nobilis sempre più a rischio, l’allarme da Punta Campanella

La Nacchera di mare, il più grande mollusco bivalve del Mediterrano, è attaccato da microbatteri e parassiti. Nel 2016 in Spagna partì l’epidemia che si è diffusa in tutto il Mare Nostrum. Nell’Area Marina Protetta di Punta Campanella trovati solo esemplari morti. Dall’Iucn un piano per salvarle

Non ne hanno trovata neanche una viva. Le Pinne nobilis, meglio conosciute come Nacchere di mare, stanno morendo tutte. È l’allarme lanciato dall’Area Marina Protetta di Punta Campanella che, nelle scorse settimane, ha monitorato 5 siti di immersione nel Parco. Le nacchere trovate erano tutte morte. Il 100% di mortalità. Due anni fa, sempre a Punta Campanella, negli stessi siti di immersione,  il 92% fu trovato morto ma almeno ne furono rinvenute diverse ancora vive, circa l’8%. Un’inesorabile e, sembra, inevitabile scomparsa.

Da anni questo mollusco bivalve, endemico del mediterraneo, è sotto attacco. Microbatteri e un parassita stanno decimando le popolazioni. L’epidemia è scoppiata nel 2016 in Spagna e da lì si è propagata sino al Mediterraneo orientale. Gli studi hanno evidenziato diversi agenti eziologici presenti nei tessuti del bivalve: un protozoo di nuova identificazione (Haplosporidium pinnae), un batterio della famiglia dei Mycobacteria, un batterio della famiglia dei Vibrioni, una specie di Dinoflagellato del genere Perkinsus.

Le due ultime indagini scientifiche, pubblicate nei mesi di aprile e ottobre 2020, dimostrano la presenza concomitante dei patogeni elencati negli individui moribondi (così come in alcuni degli esemplari vivi), giungendo alla conclusione che il fenomeno è lungi dall’essere correttamente interpretato.

Soltanto alcune aree, sembrano, ad ora immuni. Si tratta delle zone lagunari e in particolari aree marine isolate e poco connesse con il mare aperto. La speranza di salvarle è proprio nella resistenza di questi esemplari. L’Iucn (Unione Internazionale per la.Conservazione della Natura) ha messo in campo l’Action Plan for Pinna, una serie di azioni coordinate per cercare di evitare l’estinzione della specie. Tra cui l’ installazione di collettori larvali – borse ricoperte di corde di nylon e mantenute a galla da una boa e una corda – in grado di intercettare le larve del mollusco, in modo da offrire un buon sito dove crescere, in attesa di trasferirle in ambiente naturale appena raggiungono una lunghezza idonea. Contemporaneamente, si moltiplicano le iniziative e i network che lavorano per studiare il fenomeno e mappare lo stato delle popolazioni nel Mediterraneo.

Il monitoraggio nell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, coordinato dallo staff subacqueo del Parco in collaborazione con i volontari stranieri del Project Mare, ha interessato alcuni siti rappresentativi e appositamente scelti per avere un campione statistico rilevante. Punti di immersione dislocati lungo tutta la costa, da quella sorrentina a quella amalfitana, da Marina della Lobra a Massa Lubrense, fin quasi a Positano. Lo studio ha interessato sia zone B che zone C del Parco, focalizzando l’attenzione soprattutto nei fondali ricchi di Posidonia oceanica, siti in cui è presente la Pinna nobilis fissata a piccole rocce. A distanza di due anni dall’ultimo monitoraggio, i dati sono stati sconfortanti. Delle circa 70 Pinne nobilis individuate, neanche un esemplare vivo. Tutte morte. Ed è probabile che molte altre morte non siano state trovate perché le correnti e la sedimentazione ne rendono difficile l’individuazione.

La Pinna nobilis è stata inserita nella lista delle specie protette della Convenzione di Barcellona e della Direttiva Habitat della Commissione Europea ed è oggetto di studio nel programma di monitoraggio della Strategia Marina come “specie meritevole di attenzione”. Già conosciuta in antichità, veniva usata per i suoi filamenti, chiamati Bisso, simili alla seta e quindi utilizzati per la tessitura di indumenti. Da anni il suo prelievo è vietato e sanzionato.

Questo mollusco bivalve è molto importante per l’ecosistema. Le sue valve rappresentano un substrato duro e permanente che viene colonizzato da differenti specie e inoltre gioca un ruolo chiave nelle catene trofiche come preda o come “casa” per crostacei, con i quali instaura interessanti relazioni simbiotiche.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto