venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Orso bruno marsicano, un carico di mele per la ricerca

Con la consegna di 12 cassette di mele da parte dell’Azienda agricola Melise di Castel del Giudice (IS) alla Riserva regionale del Monte Genzana Alto Gizio, è ripreso il cammino del progetto “Le Mele degli Orsi”, l’iniziativa che consiste nella fornitura di mele biologiche alle aree protette appenniniche a supporto della tutela dell’Orso bruno marsicano per utilizzarle nelle aree faunistiche o per attività di ricerca e tutela.

Il progetto “Le Mele degli Orsi”, promosso da Legambiente, dall’azienda agricola Melise e dal comune di Castel del Giudice, dopo il coinvolgimento del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise e del Parco nazionale della Majella allarga la sua sfera di interesse anche al comune di Pettorano sul Gizio che da quest’anno utilizzerà le mele biologiche per le sue attività di ricerca e tutela degli orsi che gravitano attorno al territorio della Riserva regionale del Monte Genzana Alto Gizio.

Va comunque ricordato che il progetto “Le Mele degli Orsi” ha sancito un accordo di collaborazione tra le parti, in cui l’Azienda Agricola Melise fornisce gratuitamente al Parco nazionale della Majella ed al Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, le mele biologiche che non vengono commercializzate per utilizzarle per alimentare gli orsi presenti nelle aree e nei centri faunistici delle due aree protette (Villavallelonga, Pescasseroli, Campoli Appennino e Palena) ed occasionalmente anche per attività di gestione faunistica, quali catture di orsi per ragioni scientifiche e gestionali. Sono gli stessi Parchi, sulla base delle disponibilità nel periodo di raccolta ad effettuare il ritiro delle mele, mentre Legambiente e il Comune di Castel del Giudice si fanno promotori della comunicazione e promozione dell’iniziativa.

“Con la consegna delle mele biologiche al Comune di Pettorano sul Gizio e quindi alla Riserva regionale – spiega Antonio Nicoletti, responsabile nazionale aree protette e biodiversità di Legambiente – si compie un ulteriore passo, che auspicavamo da tempo, per allargare la rete appenninica di soggetti che, in sinergia, collaborano nelle attività di tutela all’interno dell’areale dell’Orso bruno marsicano. Questa sottospecie – prosegue Nicoletti – è il simbolo della conservazione della natura appenninica e la sua tutela è un valore assoluto a cui contribuiscono anche i produttori di mele biologiche del Molise, e anche per questo la nostra iniziativa è utile per ricordare l’importanza dell’agricoltura biologica per questi territori e per la salubrità della fauna che vi è ospitata. Così com’è importante incentivare
l’educazione ambientale, rilanciare la promozione turistica per il tramite di un’entità faunistica unica al mondo, simbolo della conservazione della natura appenninica in grado di valorizzare il ruolo delle realtà territoriali, un’occasione unica per riscoprire il valore della collaborazione tra le aree protette e le comunità locali”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto