lunedì 21 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Pesticidi senza freni

Amazzonia

Lo scorso 22 luglio il governo brasiliano ha approvato l’utilizzo di 51 nuovi prodotti chimici per l’agricoltura. Di questi, 18 sono estremamente tossici. Il Brasile è diventato così il leader mondiale nel consumo di pesticidi: da gennaio 2019 a oggi ne ha autorizzati già 290, più dell’Ue negli ultimi otto anni. È un problema anche nostro, dato che l’export brasiliano verso l’Italia è aumentato per quasi tutti i settori.
L’impiego di pesticidi riguarda soprattutto le coltivazioni di soia, canna da zucchero, cotone, cereali e caffè, prodotti che dal Brasile arrivano in tutto il mondo, Italia compresa. Solo nel 2017 il Belpaese ha importato cereali per il foraggio, farine, frutti commestibili e oli vegetali per un totale di 105 milioni di euro, attestandosi all’undicesimo posto fra le mete d’esportazione brasiliane. Cotone, tabacco e caffè sono ora particolarmente richiesti dal nostro mercato. «Negli ultimi cinque anni il consumo di pesticidi in Brasile è aumentato del 25% – denuncia Larissa Bombardi, autrice dell’atlante “Geografia dell’uso di pesticidi in Brasile e relazioni con l’Unione Europea” – i cittadini europei dovrebbero esigere controlli molto più rigorosi».
Il pesticida più utilizzato resta il glifosato (34%), ritenuto cancerogeno dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro e il cui utilizzo è vietato in Italia dal 2016. Ma nella lista dei nuovi prodotti autorizzati si trovano anche altri composti vietati in Europa, come il Sulfoxaflor e il Florpyrauxifen-benzyl, dannosi per la nostra pelle, per le api e per gli organismi acquatici. Ci sono inoltre l’acefato, rischioso per la fertilità maschile, il 2-4-D, potenzialmente cancerogeno, e il Clorotalonil, deleterio per il dna.
Il ministero dell’Agricoltura di Brasilia ha fatto sapere che i principi attivi più pericolosi saranno regolamentati secondo i criteri internazionali, ma che a causa delle condizioni climatiche del Paese non si può fare a meno dei pesticidi. «Si potrebbe coltivare in maniera più sostenibile, senza l’uso di sostanze tossiche – afferma invece Marina Lacôrte, responsabile della campagna Agricoltura e alimentazione di Greenpeace Brasile – ma la logica del nuovo governo ha investito anche l’Ibama e l’Anvisa, gli enti nazionali preposti al controllo e alla valutazione dei rischi per l’ambiente e per la salute». Sono state volutamente impiegate più risorse, pertanto l’iter di approvazione dei pesticidi è stato quest’anno molto più rapido del solito.

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto