venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Pesticidi senza freni

Amazzonia

Lo scorso 22 luglio il governo brasiliano ha approvato l’utilizzo di 51 nuovi prodotti chimici per l’agricoltura. Di questi, 18 sono estremamente tossici. Il Brasile è diventato così il leader mondiale nel consumo di pesticidi: da gennaio 2019 a oggi ne ha autorizzati già 290, più dell’Ue negli ultimi otto anni. È un problema anche nostro, dato che l’export brasiliano verso l’Italia è aumentato per quasi tutti i settori.
L’impiego di pesticidi riguarda soprattutto le coltivazioni di soia, canna da zucchero, cotone, cereali e caffè, prodotti che dal Brasile arrivano in tutto il mondo, Italia compresa. Solo nel 2017 il Belpaese ha importato cereali per il foraggio, farine, frutti commestibili e oli vegetali per un totale di 105 milioni di euro, attestandosi all’undicesimo posto fra le mete d’esportazione brasiliane. Cotone, tabacco e caffè sono ora particolarmente richiesti dal nostro mercato. «Negli ultimi cinque anni il consumo di pesticidi in Brasile è aumentato del 25% – denuncia Larissa Bombardi, autrice dell’atlante “Geografia dell’uso di pesticidi in Brasile e relazioni con l’Unione Europea” – i cittadini europei dovrebbero esigere controlli molto più rigorosi».
Il pesticida più utilizzato resta il glifosato (34%), ritenuto cancerogeno dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro e il cui utilizzo è vietato in Italia dal 2016. Ma nella lista dei nuovi prodotti autorizzati si trovano anche altri composti vietati in Europa, come il Sulfoxaflor e il Florpyrauxifen-benzyl, dannosi per la nostra pelle, per le api e per gli organismi acquatici. Ci sono inoltre l’acefato, rischioso per la fertilità maschile, il 2-4-D, potenzialmente cancerogeno, e il Clorotalonil, deleterio per il dna.
Il ministero dell’Agricoltura di Brasilia ha fatto sapere che i principi attivi più pericolosi saranno regolamentati secondo i criteri internazionali, ma che a causa delle condizioni climatiche del Paese non si può fare a meno dei pesticidi. «Si potrebbe coltivare in maniera più sostenibile, senza l’uso di sostanze tossiche – afferma invece Marina Lacôrte, responsabile della campagna Agricoltura e alimentazione di Greenpeace Brasile – ma la logica del nuovo governo ha investito anche l’Ibama e l’Anvisa, gli enti nazionali preposti al controllo e alla valutazione dei rischi per l’ambiente e per la salute». Sono state volutamente impiegate più risorse, pertanto l’iter di approvazione dei pesticidi è stato quest’anno molto più rapido del solito.

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto