domenica 17 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Perché non convince il Piano nazionale energia e clima

L'immagine di pilone dell'elettricità installati su campi agricoli

Dobbiamo agire adesso per garantire che il riscaldamento globale rimanga sotto gli 1,5 gradi prefissati con l’accordo di Parigi. Bisogna quindi ridurre le emissioni del 40% fino al 2030, per poi azzerarle prima del 2050. È questo il quadro che emerge dall’ultimo rapporto dell’Ipcc e che interessa tutti i settori, compreso quello agricolo.

L’agricoltura oltre a essere il settore che è maggiormente suscettibile ai cambiamenti climatici, è una fonte importante di gas climalteranti, in particolare metano (CH4) e protossido di azoto (N2O), rispettivamente più impattanti 34 e 298 volte rispetto all’anidride carbonica (CO2) sul cambiamento climatico. In Italia è il secondo contribuente alle emissioni totali di gas serra dopo il settore energetico, con una quota pari a circa il 6,6% del totale. Eppure la proposta del Piano nazionale energia e clima (Pnec) presentata a dicembre dal governo italiano, pur rispondendo ai requisiti minimi previsti dalla Strategia di lungo termine varata dalla Commissione europea con l’obiettivo di raggiungere zero emissioni nette entro il 2050, non risulta ancora compatibile con la soglia critica di 1,5 °C. Non prevede un obiettivo complessivo di riduzione delle emissioni al 2030, ma solo per i settori non-ets (emission trading system).

Rispetto al ruolo che può giocare l’agricoltura, la proposta di Piano rimanda alla definizione di altre politiche di settore – la Pac e il Piano di sviluppo rurale – riconfermando in sostanza degli obiettivi al 2030 in linea con l’andamento delle misure esistenti, quindi sottostimando il contributo dell’agricoltura. Per raggiungere zero emissioni nette sarà necessario aumentare le azioni di ripristino degli ecosistemi, interventi di gestione dei suoli agrari e degli allevamenti che puntino a maggiore efficienza e sostenibilità. Così si otterrà il mantenimento dei livelli di produzione e, al contempo, una diminuzione dei costi ambientali ed economici.

Articolo tratto dal mensile La Nuova Ecologia marzo 2019

Copertina Nuova Ecologia marzo 2019

Articoli correlati

Cinque anni di Premio nazionale “Verso un’economia circolare”

Iscrizioni aperte dal 24 settembre al 26 novembre 2021 per la quinta edizione che vede tra i promotori Fondazione Cogeme e Kyoto Club. BANDO INTEGRALE - SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Rinnovabili, Cingolani: “In Italia 3 gigawatt di impianti bloccati dalle Soprintendenze”

Il ministro nel suo intervento in Commissione Ambiente: "Rispetto assoluto per il paesaggio, ma anche per la lotta al cambiamento climatico. Dobbiamo raggiungere l'obiettivo del 72% di fonti pulite al 2030"

Roma, i bus turistici tornano nella zona a traffico limitato

Lo ha deciso il Tar del Lazio con la sospensione del divieto di circolazione. Le associazioni: "Sono mezzi vecchi e inquinanti. Rifiutiamo fermamente proposte di riapertura, con aumento di emissioni che sono già costate alla collettività procedure di infrazione da parte della Comunità Europea"

ECOSISTEMA SCUOLA

Presentazione del XXI Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica e dei servizi
Ridimensiona font
Contrasto