sabato 19 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Perché non convince il Piano nazionale energia e clima

L'immagine di pilone dell'elettricità installati su campi agricoli

Dobbiamo agire adesso per garantire che il riscaldamento globale rimanga sotto gli 1,5 gradi prefissati con l’accordo di Parigi. Bisogna quindi ridurre le emissioni del 40% fino al 2030, per poi azzerarle prima del 2050. È questo il quadro che emerge dall’ultimo rapporto dell’Ipcc e che interessa tutti i settori, compreso quello agricolo.

L’agricoltura oltre a essere il settore che è maggiormente suscettibile ai cambiamenti climatici, è una fonte importante di gas climalteranti, in particolare metano (CH4) e protossido di azoto (N2O), rispettivamente più impattanti 34 e 298 volte rispetto all’anidride carbonica (CO2) sul cambiamento climatico. In Italia è il secondo contribuente alle emissioni totali di gas serra dopo il settore energetico, con una quota pari a circa il 6,6% del totale. Eppure la proposta del Piano nazionale energia e clima (Pnec) presentata a dicembre dal governo italiano, pur rispondendo ai requisiti minimi previsti dalla Strategia di lungo termine varata dalla Commissione europea con l’obiettivo di raggiungere zero emissioni nette entro il 2050, non risulta ancora compatibile con la soglia critica di 1,5 °C. Non prevede un obiettivo complessivo di riduzione delle emissioni al 2030, ma solo per i settori non-ets (emission trading system).

Rispetto al ruolo che può giocare l’agricoltura, la proposta di Piano rimanda alla definizione di altre politiche di settore – la Pac e il Piano di sviluppo rurale – riconfermando in sostanza degli obiettivi al 2030 in linea con l’andamento delle misure esistenti, quindi sottostimando il contributo dell’agricoltura. Per raggiungere zero emissioni nette sarà necessario aumentare le azioni di ripristino degli ecosistemi, interventi di gestione dei suoli agrari e degli allevamenti che puntino a maggiore efficienza e sostenibilità. Così si otterrà il mantenimento dei livelli di produzione e, al contempo, una diminuzione dei costi ambientali ed economici.

Articolo tratto dal mensile La Nuova Ecologia marzo 2019

Copertina Nuova Ecologia marzo 2019

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto