venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Per decontaminare Fukushima si sfruttano migranti e senza fissa dimora

Fukushima

Il Giappone deve agire con urgenza per proteggere dallo sfruttamento e dall’esposizione alle radiazioni decine di migliaia di lavoratori che lavorano per ripulire il disastro di Fukushima. Lo affermano oggi esperti dell’ONU per i diritti umani.

Tokyo Electric Power Co Holdings (Tepco), proprietaria della centrale nucleare colpita da uno tsunami nel 2011 che ha provocato crolli, è stata ampiamente criticata per il trattamento riservato ai lavoratori. Tre esperti delle Nazioni Unite, che riferiscono al Consiglio per i diritti umani dell’organizzazione, hanno sostenuto che l’esposizione alle radiazioni rimane un grave pericolo per i lavoratori che cercano di decontaminare l’impianto. Inoltre, i lavoratori sono a rischio sfruttamento.

“Tra i lavoratori assunti per decontaminare Fukushima vi sono migranti, richiedenti asilo e persone senza fissa dimora“, hanno detto Baskut Tuncak, esperto di sostanze pericolose, Dainius Puras, esperto di salute e Urmila Bhoola, esperta di schiavitù moderne.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto