giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Patrick e gli altri detenuti, la meglio gioventù d’Egitto

di RICCARDO NOURY Portavoce Amnesty International Italia

Dal mensile di luglio-agosto – Mentre scrivo questo articolo, Patrick Zaki è entrato nel quinto mese di detenzione preventiva. Per la procedura penale in vigore in Egitto potrebbe restarci per altri 19 mesi. Patrick è stato arrestato la notte tra il 7 e l’8 febbraio all’aeroporto del Cairo, proveniente da Bologna, dove da settembre stava frequentando con successo un master in studi di genere. Dopo un periodo di sparizione forzata di circa un giorno, durante il quale è stato bendato e torturato nel corso degli interrogatori, Patrick è comparso negli uffici della procura della città di Mansoura. È stato poi posto in detenzione preventiva, indagato per cinque diversi capi d’accusa contenuti in un mandato di cattura emesso nel settembre 2019, quando era già in Italia: minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo. Si tratta dello stesso “set” di accuse formulato nei confronti di tantissimi altri detenuti: attivisti per i diritti umani, avvocati, giornalisti, blogger, esponenti dell’opposizione politica, difensori dei diritti umani. Per i reati che gli sono contestati, Patrick rischia l’ergastolo, che in Egitto è automaticamente commutato in 25 anni di carcere. Di Patrick, dopo che il 9 marzo è stato visitato dai genitori per l’ultima volta, non si hanno notizie dirette. Le udienze per il rinnovo dei termini di detenzione preventiva si tengono a porte chiuse, in assenza dell’imputato e degli avvocati cui viene notificato l’esito soltanto giorni dopo. La sua storia, così come quella di tanti altri rappresentanti della “meglio gioventù” egiziana, sa di persecuzione politica. Il verbale d’arresto è stato completamente falsificato e fabbricato. Il documento consegnato dalla polizia alla procura afferma che è stato arrestato a un posto di blocco della polizia nella sua città natale di Mansoura, mentre l’arresto è avvenuto all’aeroporto del Cairo il giorno prima. Patrick si trova nella sezione del centro penitenziario di Tora riservata ai detenuti politici. Qui il sovraffollamento e le pessime condizioni igienico-sanitarie hanno favorito l’ingresso della pandemia da Covid-19. Sebbene il governo neghi, le organizzazioni locali per i diritti umani hanno già denunciato la morte di un impiegato della struttura, che chissà se e quante altre persone abbia contagiato. Considerato che essendo affetto da asma bronchiale è un soggetto a rischio, Amnesty International, Università di Bologna, Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna continuano a sollecitare un intervento della Farnesina affinché le autorità giudiziarie del Cairo dispongano il rilascio di Patrick per motivi di salute.

FIRMA L’APPELLO Amnesty International:  Libertà per Patrick

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto