giovedì 21 Gennaio 2021

Parma sotto asfalto

tibre

La firma del protocollo fra la Provincia di Parma e Autocisa, la società che gestisce l’autostrada A15, è arrivata ai primi di dicembre. In ballo rotatorie, collegamenti e varianti per 26 milioni di euro, una minima parte del maxiprogetto della TiBre. La bretella autostradale Tirreno-Brennero, serpente di asfalto lungo 85 chilometri, dovrebbe collegare l’A15 Parma-La Spezia all’A22 del Brennero. Il ministero delle Infrastrutture ha dato l’ok soltanto al primo lotto, 9 km di percorso per un totale di 513 milioni di euro, fra Ponte Taro e Tre Casali, vicino Parma. Per l’intera opera, che dovrebbe arrivare fino a Nogarole Rocca, in provincia di Verona, l’importo previsto è di 2,7 miliardi, tutti a carico di Autocisa. Risorse prelevate direttamente dalle tasche degli automobilisti che percorreranno l’A15. Il Cipe, infatti, ha avallato un aumento del 7% l’anno, per 8 anni, del pedaggio autostradale. Secondo gli ambientalisti, però, la TiBre non supererà mai la linea del Po: il suo completamento non è nella lista di priorità del governo e non esistono valutazioni costi-benefici oltre il primo lotto. «Lo scorso anno la stessa Regione Emilia Romagna l’aveva tolta dalle opere strategiche – spiega Lorenzo Frattini, presidente di Legambiente Emilia Romagna – Poi, la protesta degli industriali e di alcuni membri del Pd ha costretto il governatore Bonaccini a tornare sui suoi passi». Chi può avere l’interesse a costruire un’opera che, con ogni probabilità, non vedrà mai la fine? «Oltre alla ditta costruttrice Pizzarotti, che si è aggiudicata l’appalto, sarà la stessa Autocisa a ottenere vantaggi – spiega Frattini – In cambio dell’impegno a finanziare la TiBre, ha guadagnato la gestione dell’A15 fino al 2031, evitando la gara europea». A finire stritolata è la TiBre ferroviaria. Dovrebbe collegare La Spezia a Verona e favorire così una “cura del ferro” all’emergenza smog. «Sui valichi con Svizzera e Austria – aggiunge Frattini – si sta potenziando il treno. È antistorico puntare ancora sulla gomma». Senza contare il forte impatto ambientale su territori già fortemente stressati. Parma è ai vertici in Italia per il consumo di suolo: il nuovo rapporto Ispra la piazza al sesto posto, con più di 32.000 ettari consumati nel 2015. In provincia, i valori sono saliti dello 0,5% in un anno. Il tracciato della TiBre attra- verserebbe il fiume Taro, cancellando al suo passaggio numerosi ettari di terreno agricolo e tagliando due zone di protezione speciale riconosciute dall’Unione Europea. Anche le specie protette sono a rischio: il sito riproduttivo più importante d’Italia per il falco cuculo è un filare di pioppi che sarà sfiorato dall’autostrada. Per la tutela di questo sito, l’Ue e la Provincia di Parma hanno investito un milione di euro in un progetto Life. Associazioni, comitati e una decina di amministrazioni locali chiedono di fermare le attività e trattare con l’Europa la sostituzione della TiBre autostradale con quella ferroviaria. Ma l’idea di accantonare una grande opera non piace al blocco politico-industriale emiliano. E le polemiche hanno investito, lo scorso anno, anche il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti (solo omonimo del costruttore), da sempre critico nei confronti del progetto. A causa della sua assenza nell’ottobre del 2015 all’assemblea provinciale dei sindaci – questa l’accusa di diverse associazioni ambientaliste, respinta dal diretto interessato – saltò il voto della mozione No TiBre, con il rinvio della seduta da parte del presidente della Provincia Filippo Frittelli, dipendente di Autocisa in aspettativa, a data da destinarsi. Polemiche in parte rientrate dopo la lettera con cui lo stesso sindaco Pizzarotti ha invitato pochi mesi dopo il ministro delle Infrastrutture, Graziano Del Rio, a ricevere il comitato contrario al TiBre autostradale e favorevole a quello ferroviario.

Francesco Panié
Giornalista ambientale. per La Nuova Ecologia cura inchieste e approfondimenti su globalizzazione. inquinamento. clima. agricoltura e beni comuni. twitter @francesco.panie

Articoli correlati

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia

Sequestrato allevamento “lager” di 859 cani a Trecastelli, provincia di Ancona

Chihuahua, barboncini e maltesi maltrattati. Legambiente: "Gestione criminale, priva delle basilari attenzioni. Emergenza sanitaria senza precedenti, il più grande focolaio di brucellosi in Europa. Priorità assoluta alla salute di animali e persone”

I “Marcelli” che abitavano il futuro

Dal mensile di gennaio - Cini e Buiatti ci hanno insegnato che la scienza non è neutrale e neanche un’opinione. Parole che sono un faro oggi, fra comunicazioni scientifiche e di marketing sui vaccini, necessità di trasparenza dei dati e loro segretezza, rassicurazioni e negazionismo 

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia

Sequestrato allevamento “lager” di 859 cani a Trecastelli, provincia di Ancona

Chihuahua, barboncini e maltesi maltrattati. Legambiente: "Gestione criminale, priva delle basilari attenzioni. Emergenza sanitaria senza precedenti, il più grande focolaio di brucellosi in Europa. Priorità assoluta alla salute di animali e persone”

I “Marcelli” che abitavano il futuro

Dal mensile di gennaio - Cini e Buiatti ci hanno insegnato che la scienza non è neutrale e neanche un’opinione. Parole che sono un faro oggi, fra comunicazioni scientifiche e di marketing sui vaccini, necessità di trasparenza dei dati e loro segretezza, rassicurazioni e negazionismo 

Progetto Ecco, nasce a Palermo il Ri-Hub della rigenerazione

Una collaborazione tra realtà locali per recuperare apparecchiature elettroniche. La partecipazione è aperta a tutti

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"