Papa Francesco avverte sul pericolo di un “olocausto nucleare”

Intervenuto in Vaticano il Pontefice ha lanciato un monito sul tema: “Sembra aprirsi una nuova stagione di confronto nucleare inquietante, perché cancella i progressi del recente passato e moltiplica il rischio di guerre”

 

Un'immagine di papa Francesco

Parlando ai partecipanti dell’Assemblea Plenaria della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, in programma dal primo al 3 maggio in Vaticano, Papa Francesco ha affrontato il delicato tema del disarmo nucleare. “Purtroppo, oggi la stagione del disarmo nucleare multilaterale appare sorpassata non smuove più la coscienza politica delle nazioni che possiedono armi atomiche. Anzi, sembra aprirsi una nuova stagione di confronto nucleare inquietante, perché cancella i progressi del recente passato e moltiplica il rischio di guerre, anche per il possibile malfunzionamento di tecnologie molto progredite ma soggette sempre all`imponderabile naturale e umano”, ha dichiarato il Pontefice.

“Se, adesso, non solo sulla terra ma anche nello spazio verranno collocate armi nucleari offensive e difensive, la cosiddetta nuova frontiera tecnologica avrà innalzato e non abbassato il pericolo di un olocausto nucleare”.