sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Ozono, Ia pandemia ha inciso sulla diminuzione dei valori nella troposfera libera

Nuovi dati di Copernicus. Le restrizioni imposte per far fronte all’emergenza Coronavirus hanno causato concentrazioni minori di ozono tra 1 e 8 chilometri di altitudine

 

Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS) ha contribuito allo studio appena pubblicato, condotto dal servizio meteorologico tedesco Deutscher Wetterdienst. Lo studio mostra valori di ozono insolitamente bassi nella troposfera libera nell’emisfero settentrionale e suggerisce che la riduzione delle emissioni, dovuta alle restrizioni per far fronte alla pandemia di COVID-19, abbia causato riduzioni dell’ozono tra 1 e 8 chilometri di altitudine. CAMS è implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea.

Basse concentrazioni di ossidi di azoto

Grafico della grande quantità di ozono nell’atmosfera adatatto da Salawitch et al, WMO, 2019

Richard Engelen, Vicedirettore di Copernicus Atmosphere Monitoring Service, commenta: “La pandemia di COVID-19 ha portato all’adozione di misure di contenimento in tutto il mondo, che hanno avuto un effetto significativo sulle emissioni. Ad esempio, la riduzione dei trasporti via terra e aria ha significato meno consumo di carburante e meno emissioni nell’atmosfera. Ciò ha causato una minore concentrazione di ossidi di azoto, che sono i principali motori delle reazioni fotochimiche nell’atmosfera. Basse concentrazioni di ossidi di azoto nella troposfera libera hanno significato una bassa produzione fotochimica, che si è tradotta in meno ozono.”

“I nostri dati di rianalisi CAMS hanno contribuito allo studio dimostrando che i bassi valori di ozono, evidenziati dalle osservazioni della sonda a palloncino, non potevano dipenderne dai cambiamenti nelle condizioni meteorologiche da un anno all’altro, il che ha portato alla conclusione che le ridotte emissioni ne rappresentano probabilmente la causa principale”, aggiunge.

Il ruolo dell’ozono

Mentre nella stratosfera l’ozono svolge un ruolo chiave per proteggere la vita sulla superficie terrestre dalle dannose e pericolose radiazioni UV, l’ozono nella troposfera è un inquinante oltre che un importante gas serra. Idealmente, dovrebbe esserci molto ozono nella stratosfera e una piccola quantità nella troposfera. Le attività umane, tuttavia, hanno determinato una diminuzione dell’ozono stratosferico nel corso dell’ultimo secolo e un aumento dell’ozono troposferico.

Per saperne di più: https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1029/2020GL091987

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto