sabato 24 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Uiguri, Ovs rinuncia al cotone prodotto con il lavoro forzato della minoranza perseguitata in Cina

Anche il marchio italiano della moda aderisce alla campagna organizzata da 300 organizzazioni internazionali per stoppare gli approvvigionamenti proveniente dallo Xinjiang. Dove non si arresta la repressione del governo cinese sulla minoranza turcofona musulmana

Anche il marchio italiano della moda Ovs aderisce alla campagna “End Uyghur Forced Labour”, organizzata da 300 organizzazioni internazionali per stoppare gli approvvigionamenti di cotone proveniente dallo Xinjiang, regione autonoma del nord della Cina dove da anni il governo di Pechino conduce una violenta repressione della minoranza turcofona musulmana degli uiguri.

“End Uyghur Forced Labour”, gli obiettivi della campagna

La campagna “End Uyghur Forced Labour” è stata lanciata nel luglio 2020 con l’obiettivo di spingere i marchi della moda internazionali a monitorare la loro filiera di produzione nello Xinjiang e ad abbandonarla nel caso in cui fossero ravvisati collegamenti con imprese che sfruttano il lavoro forzato della popolazione uigura. Solo dallo Xinjiang proviene l’84% del cotone prodotto in Cina e il 20% della produzione mondiale: in pratica, è da questa regione autonoma finita nella morsa dell’autoritarismo del governo cinese che proviene un abito su cinque indossato nel mondo.

Nello Xinjiang detenzione arbitraria per 1,8 mln di persone

Diverse ong internazionali come Amnesty International e Human Rights Watch, da tempo documentano le sistematiche violazioni dei diritti umani subite in Cina dagli uiguri e da altre popolazioni turche e a maggioranza musulmana. Ad oggi ci sarebbero circa 1,8 milioni di persone detenute arbitrariariamente. Una situazione altamente critica, come hanno denunciato le stesse Nazioni Unite che parlano di “pratiche crescenti di detenzione arbitraria, sparizione forzata, assenza di controllo giudiziario, garanzie e restrizioni procedurali” delle libertà fondamentali.

“Ci auguriamo che l’adesione di OVS all’impegno per lasciare la regione uigura convinca gli altri marchi che ancora non hanno fatto passi pubblici concreti a fare altrettanto – dichiara  Deborah Lucchetti, coordinatrice della Campagna Abiti Puliti – Questo primo importante risultato rinvigorisce lo sforzo della coalizione internazionale e ci motiva a continuare la pressione: il lavoro forzato è una condizione che fa orrore e che nessuno (consumatori, produttori, politici) può accettare né fingere di non vedere”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone

FestambienteSud, al via il 23 luglio la XVII edizione del Festival di Legambiente

Appuntamento dal 23 al 25 luglio a Monte Sant’Angelo e dal 31 luglio al 2 agosto a Vieste e in Foresta Umbra. Annunciati i Comuni Ricicloni e quelli virtuosi per la raccolta differenziata che riceveranno un premio speciale
Ridimensiona font
Contrasto