venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Uiguri, Ovs rinuncia al cotone prodotto con il lavoro forzato della minoranza perseguitata in Cina

Anche il marchio italiano della moda aderisce alla campagna organizzata da 300 organizzazioni internazionali per stoppare gli approvvigionamenti proveniente dallo Xinjiang. Dove non si arresta la repressione del governo cinese sulla minoranza turcofona musulmana

Anche il marchio italiano della moda Ovs aderisce alla campagna “End Uyghur Forced Labour”, organizzata da 300 organizzazioni internazionali per stoppare gli approvvigionamenti di cotone proveniente dallo Xinjiang, regione autonoma del nord della Cina dove da anni il governo di Pechino conduce una violenta repressione della minoranza turcofona musulmana degli uiguri.

“End Uyghur Forced Labour”, gli obiettivi della campagna

La campagna “End Uyghur Forced Labour” è stata lanciata nel luglio 2020 con l’obiettivo di spingere i marchi della moda internazionali a monitorare la loro filiera di produzione nello Xinjiang e ad abbandonarla nel caso in cui fossero ravvisati collegamenti con imprese che sfruttano il lavoro forzato della popolazione uigura. Solo dallo Xinjiang proviene l’84% del cotone prodotto in Cina e il 20% della produzione mondiale: in pratica, è da questa regione autonoma finita nella morsa dell’autoritarismo del governo cinese che proviene un abito su cinque indossato nel mondo.

Nello Xinjiang detenzione arbitraria per 1,8 mln di persone

Diverse ong internazionali come Amnesty International e Human Rights Watch, da tempo documentano le sistematiche violazioni dei diritti umani subite in Cina dagli uiguri e da altre popolazioni turche e a maggioranza musulmana. Ad oggi ci sarebbero circa 1,8 milioni di persone detenute arbitrariariamente. Una situazione altamente critica, come hanno denunciato le stesse Nazioni Unite che parlano di “pratiche crescenti di detenzione arbitraria, sparizione forzata, assenza di controllo giudiziario, garanzie e restrizioni procedurali” delle libertà fondamentali.

“Ci auguriamo che l’adesione di OVS all’impegno per lasciare la regione uigura convinca gli altri marchi che ancora non hanno fatto passi pubblici concreti a fare altrettanto – dichiara  Deborah Lucchetti, coordinatrice della Campagna Abiti Puliti – Questo primo importante risultato rinvigorisce lo sforzo della coalizione internazionale e ci motiva a continuare la pressione: il lavoro forzato è una condizione che fa orrore e che nessuno (consumatori, produttori, politici) può accettare né fingere di non vedere”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto