‘Orizzonti Startup’: a Roma una conferenza sull’imprenditoria migrante

La manifestazione si terrà il 28 marzo ed è organizzata da Startups Without Borders in collaborazione con Link Campus. In Italia un’azienda su dieci è gestita da un imprenditori arrivati da altri Paesi

L'immagine di due imprenditori migranti

Si intitola ‘Orizzonti Startup’, la conferenza in programma a Roma il 28 marzo organizzata da Startups Without Borders, in collaborazione con Link Campus University, per riunire gli imprenditori migranti e rifugiati di tutta Italia. Obiettivo della manifestazione è attirare l’attenzione sull’emergente ecosistema di startup migranti e invitare al confronto gli incubatori per migranti e rifugiati, nonché le organizzazioni di supporto di Milano, Bologna e Torino.

Il programma dei lavori

La giornata inizierà di mattina con un workshop per i nuovi arrivati con idee imprenditoriali. Successivamente si terrà una conferenza dove gli imprenditori migranti di successo condivideranno le loro storie, insieme con le più impattanti iniziative degli incubatori per rifugiati e migranti.

Ndiaye Mamadou Lamine, giovane imprenditore senegalese fondatore di Mama Venture, una società di investimento che supporta startup create da migranti, terrà un modulo su imprenditoria migrante. Parteciperanno inoltre Keltum Kamal Idrissi, un’imprenditrice marocchina con base a Bologna che ha fondato Hijab Paradise, il primo negozio di ‘modest fashion’ in Italia, e Abdullahi Ahmed, imprenditore somalo che ha fondato il ‘Festival dell’Europa solidale e del Mediterraneo’. Il panel sarà moderato da Lorenzo Minio Paluello, di Roma Startup. Ai lavori prenderanno parte anche Carlo Medaglia, professore e direttore del Dipartimento di Ricerca della Link Campus, e Massimiliano Falcone, external and corporate relations alla Banca Mondiale.

Il secondo modulo sarà tenuto da incubatori ed organizzazioni che supportano gli imprenditori migranti e rifugiati, tra cui Stefano Rovelli, cofondatore di SINGA Italia, e Paolo Marenco, fondatore di Silicon Study Tour. Il moderatore sarà Dario Carrera, fondatore di Impact Hub Roma.

L’evento permetterà a tutte le iniziative che supportano gli imprenditori migranti e rifugiati di incontrarsi, fare rete, valutare eventuali collaborazioni e, allo stesso tempo, motivare gli ambiziosi nuovi arrivati con storie di imprenditori di successo.

Quanto vale l’imprenditoria di migranti e rifugiati

Negli ultimi anni l’imprenditoria di migranti e rifugiati ha attirato l’attenzione di molti investitori. Nel 2016, il miliardario George Soros ha annunciato l’investimento di 500 milioni di dollari in opportunità di lavoro per migranti e rifugiati. Inoltre, lo scorso dicembre in occasione del Laudato Sì Challenge lanciato dal Vaticano, Opes Fund Italia si è impegnata a donare 30 milioni di dollari per sostenere società gestite da rifugiati in Italia.

Il nostro Paese ha registrato un tasso di crescita del 54% di imprenditori provenienti da un contesto migratorio negli ultimi dieci anni. Secondo un report di MEGA (Migrant Entrepreneurship Growth Agenda), il 42% delle società create in Italia nel 2017  (un totale di 590.000) è stata fondata da migranti. Ad oggi in Italia un’azienda su 10 è gestita da un imprenditore migrante.