venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Oltre la miniera

zoom su mani al lavoro su rifiuti tecnologici

di Loris Pietrelli *

Le terre rare in realtà non sono “rare” (sono ubiquitarie) e neppure “terre” (nel senso di ossidi metallici). Si tratta di elementi metallici più abbondanti dell’oro e dell’argento. Non solo il termine è improprio, ma anche fra i chimici non esiste accordo su quali siano le “terre rare”. Se dal punto di vista industriale è relativamente facile separare le terre rare in blocco, è davvero complesso separarle fra loro a causa dell’elevata somiglianza delle loro proprietà chimico-fisiche. Esiste, infatti, una forte affinità chimica derivante dalla loro struttura atomica poiché il guscio degli elettroni di valenza rimane inalterato e ciò ne determina quasi le stesse proprietà chimiche. Le differenze sono determinate perlopiù dai raggi ionici che questi elementi presentano in determinate condizioni.

Oggi il grande sviluppo tecnologico che ha caratterizzato i primi anni del nuovo secolo ha determinato un’elevata produzione di rifiuti tecnologici ricchi in metalli preziosi e strategici. Si stima che in Italia la produzione annuale procapite di rifiuti hi-tech sia di circa 14 kg (3-4% della produzione di rifiuti solidi urbani), per un totale di oltre 800.000 tonnellate, solo in parte gestiti correttamente.

Rifiuti come le schede elettroniche, le batterie, le lampade e i pannelli fotovoltaici hanno quantità interessanti di terre rare. Ad esempio alcune batterie (NiMH, nichel-idruro di metallo) hanno l’anodo fatto di miscele di Ce (cerio), La (lantanio) e Nd (neodimio), facilmente recuperabili per semplice precipitazione di solfati insolubili, che hanno un contenuto di terre rare paragonabile ai materiali arricchiti venduti dai produttori di queste materie.

Nelle polveri contenute all’interno delle lampade fluorescenti dismesse sono state trovate oltre il 13% (in peso) di terre rare separabili per precipitazione e in seguito per gruppi, leggere (Ce-La) e medie (Eu-Gd, europio-gadolinio), utilizzando, anche in questo caso, estraenti commerciali riciclabili nell’ambito del processo.

* Ricercatore Enea

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto