sabato 23 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Olivicoltura sempre più a Nord

Ulivi e i danni da maltempo

Uno spostamento sempre a più a Nord. E in particolare, oltre il 45/o parallelo. Sarà lì il futuro produttivo dell’olivicoltura a causa dei cambiamenti climatici e del variare delle temperature che investono il bacino del Mediterraneo. A spiegarlo nel dettaglio con varie posizioni sull’argomento i ricercatori del Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) e i professionisti del Conaf (Consiglio dell’ordine nazionale dei dottori agrononomi e dei dottori forestali) che si sono riuniti oggi a Roma per l’incontro “L’agricoltura italiana di fronte ai cambiamenti climatici: il caso dell’olivicoltura”.
 A portare avanti in particolare la tesi di un asset produttivo in continuo cambiamento verso il 45/o parallelo è Samanta Zelasco del Crea di Rende (Cosenza). “Stiamo assistendo – dice la ricercatrice – a un’espansione progressiva in areali caratterizzati da maggiore altitudine e latitudine con un ‘olivicoltura nuova e in crescita per una superficie totale investita che è aumentata di circa 60mila ettari dal 2012 al 2017”.
I motivi del cambiamento – prosegue Zelasco – sono addebitabili all’andamento meteorologico sulla biologia della specie e sui cicli di crescita della pianta e per questo, rileva, “servono approcci multidisciplinari per mitigare gli effetti del cambiamento climatico”. Dell’espansione a Nord parla anche Alberto Giuliani del Conaf: “l’impatto ambientale con un aumento delle temperature in altitudine può favorire – sostiene il professionista – un’espansione dell’olivicoltura in questi areali”. Infine Carmela Pecora del Conaf ha annunciano prove di sperimentazione oltre i mille metri sul livello mare nel Parco della Sila in Calabria per verificare la resistenza e la produttività della piante.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Verso G20 di Roma e Cop25, Legambiente: Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

QualEnergia SETTEMBRE/OTTOBRE 2021

FOCUS KEY ENERGY 2021 Fiera internazionale del clima, rinnovabili, efficienza e mobilità; Rimini 26-29 ottobre RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE In vista della Cop26 accelerare sul contenimento...

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Verso G20 di Roma e Cop25, Legambiente: Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili
Ridimensiona font
Contrasto