domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Olio di palma e soia, dal primo gennaio 2023 stop per biocarburanti ed elettricità

Lo sancisce una norma approvata nella sera del 31 marzo alla Camera dei deputati e che il governo dovrà includere nella prossima legge sulle energie rinnovabili. Legambiente e Transport&Environment: “Un altro passo verso la nostra vittoria per foreste, biodiversità e contadini indonesiani”/ Acquista l’ebook “Scegli l’olio giusto” a cura di Andrea Poggio

Dal primo gennaio del 2023 l’olio di palma e l’olio di soia saranno esclusi dalla produzione di biocarburanti e di elettricità. Lo sancisce una norma, approvata nella sera del 31 marzo alla Camera dei deputati, dopo il passaggio al Senato del 30 ottobre scorso, che il governo dovrà includere nella prossima legge sulle energie rinnovabili. “Sono esclusi dal 1 gennaio 2023 dagli obblighi di miscelazione al combustibile diesel e dalla produzione elettrica rinnovabile, così come dal relativo conteggio delle fonti rinnovabili e dai sussidi di mercato, le seguenti materie prime in ragione delle evidenze sugli impatti causati in termini di deforestazione, come descritti nella relazione tecnica che accompagna il suddetto atto delegato: a) olio di palma, fasci di frutti di olio di palma vuoti, acidi grassi derivanti dal trattamento dei frutti di palma da olio (Pfad); b) olio di soia e acidi grassi derivanti dal trattamento della soia di importazione”, si legge nella norma.

Stop olio di palma e soia: si spera nella legge entro fine 2021

Ora, il testo dell’intero disegno di legge di delegazione europea, in cui questa norma è compresa, passerà di nuovo al Senato, poi al governo che presenterà la proposta completa di decreto legislativo sulle rinnovabili ai due rami del Parlamento entro l’estate per l’approvazione finale. La speranza delle associazioni ambientaliste che da tempo fanno pressione per l’approvazione di questa norma è che ciò avvenga entro la fine dell’anno, se non altro per evitare ulteriori procedure di infrazione europee. L’Italia avrebbe così una legge che ponga fine ai sussidi dannosi agli olii di palma e di soia, così come avviene già in Francia, Danimarca, Austria, Olanda, Svezia e Portogallo.

Legambiente e Transport&Environment ricordano che questa vittoria parte dalla condanna della pubblicità “ingannevole” del biodiesel Eni, il 15 gennaio 2020, dopo la quale Eni ha deciso di abbandonare l’olio di palma dal suo biodiesel entro il 2023. La nostra lotta proseguirà nei prossimi anni per ridurre le importazioni e i consumi di olio di palma, di soia per tutti gli usi speculativi e impropri di tutte le coltivazioni a rischio deforestazione. “La transizione energetica ed ecologica – dichiara Stefano Ciafani, presidente di Legambiente – passa anche dalla fine della ‘deforestazione made in Italy’ e dallo stop alla combustione di oli alimentari come quello di palma e di soia. La decisione faciliterà soprattutto la crescita della mobilità elettrica, da fonti energetiche davvero rinnovabili, come solare, eolico e biogas o etanolo da scarti e rifiuti”.

“La transizione energetica ed ecologica passa anche dalla fine della ‘deforestazione made in Italy’ e dallo stop alla combustione di oli alimentari come quello di palma e di soia. La decisione faciliterà soprattutto la crescita della mobilità elettrica, da fonti energetiche davvero rinnovabili, come solare, eolico e biogas o etanolo da scarti e rifiuti”.– Stefano Ciafani, presidente di Legambiente

“La decisione di ieri della Camera dei Deputati di smettere di sovvenzionare il biodiesel da palma e da soia con i soldi dei contribuenti a partire dal 2023 rappresenta un importante passo in avanti verso la tutela della nostra fauna, delle nostre foreste ed una politica fiscale più coerente – ha commentato Veronica Aneris, direttrice di Transport&Environment per l’Italia – Solo i carburanti veramente sostenibili dovrebbero essere promossi, come gli elettroni verdi da solare ed eolico ed i biocarburanti avanzati da rifiuti e residui”.

Olio di palma per la produzione di energia: la situazione in Italia

Nel 2019 l’Italia ha consumato poco più di 1,4 milioni di tonnellate di olio di palma, destinandolo per oltre il 70% alla produzione di energia, metà nei serbatoi dei diesel e per metà in centrali elettriche “verdi”: il tutto incentivato con almeno 700 milioni di euro all’anno pagati dai cittadini ad ogni pieno carburante e in ogni bolletta elettrica. Ovviamente senza saperlo o poter scegliere prodotti alternativi. La crescita dei consumi di biodiesel ha causato, dal 2015 ad oggi, il 90% della deforestazione in Indonesia e Malesia per far posto a piantagioni di olio di palma. Dall’inizio del secolo (2001) ad oggi nei due paesi asiatici sono andati perduto 33 milioni di ettari di foresta: una superficie pari all’Italia e la Svizzera insieme.

Acquista l’ebook
Scegli l’olio giusto. Come togliere l’olio di palma dal serbatoio, e non solo
A cura di Andrea Poggio, responsabile mobilità Legambiente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto