mercoledì 21 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Olio di palma, la commissione del Senato ha votato male

oranghi

La Commissione Affari Europei del Senato ha finalmente finito di analizzare e modificare la
“Legge di Delegazione Europea” che include il recepimento italiano della nuova direttiva europea
sulle energie rinnovabili. E male. Male perché, soprattutto in materia di biocarburanti e di bioliquidi dannosi, come l’olio di palma e di soia, non ha fatto neanche lo sforzo di scostarsi dal minimo che richiedeva obbligatoriamente la norma comunitaria.
L’Europa si è accorta che sostituire gasolio con oli alimentari (in particolare di palma e di soia) era dannoso per il clima e la biodiversità, tanto da non considerarli più rinnovabili e decidere di cessare i sussidi. Ma consente agli Stati membri di deciderne i tempi: si possono eliminare subito, come ha già fatto la Francia dal 1 gennaio 2020, oppure non consumarne di più di quanto fatto nel 2019 sino al massimo al 2023, per poi decrescere progressivamente sino ad annullare i consumi entro il 2030.

Cosa ha votato la Commissione? “La graduale esclusione, tra il 1° gennaio 2024 e il 31 dicembre 2030, dell’olio di palma dal novero delle fonti rinnovabili”. Che coraggio politico!
Legambiente aveva inviato a tutti i Commissari un corposo dossier in cui si proponevano due
soluzioni alternative. Stop ad ogni sussidio dal 1 gennaio 2021, un anno dopo i francesi, come
andiamo richiedendo da un anno con la petizione #Unpienodipalle . Oppure, calo di un terzo dei consumi annuali tra il 2021 e il 2023 e cessazione dell’uso dell’olio di palma a fini energetici entro la fine del 2023, come ha deciso anche la stessa Eni, principale consumatore nazionale per il biodiesel usato in Italia e in Europa.
Ma come, l’Eni rinuncia e lo stato italiano continua a pretendere sussidi di legge? E chi paga?Presto detto: pagano i cittadini, con il pieno di benzina e gasolio o con la bolletta elettrica. E chi ci
guadagnerebbe se l’Eni non lo usa più? Ci risulta che la bioraffineria che più importa e vende olio di palma in Italia è l’indonesia Musin Mas, con sede a Milano e impianti presso il porto industriale di Livorno, neanche 40 occupati per un giro d’affari di diverse decine di milioni.
Almeno 200 mila tonnellate di olio di palma, causa di distruzione di foreste tropicali, di torbiere in
Indonesia, biodiversità, orango, tigri, rinoceronti e di aumento delle emissioni di CO2: la
combustione di un litro di olio di palma comporta emissioni di CO2 lungo l’intero ciclo di vita pari
al triplo del gasolio fossile. I senatori che hanno votato lo sapevano, almeno quelli che hanno letto il dossier di Legambiente che hanno ricevuto 2 mesi prima del voto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Iucn, tre parchi italiani nella Green list

Il parco nazionale dell’Arcipelago toscano e quello delle Foreste casentinesi entrano nella  “Green List”. Al parco nazionale del Gran Paradiso viene confermata la presenza per la terza volta dal 2014

Vegetazione e neve modulano il riscaldamento climatico

Lo studio, coordinato dal Cnr, mostra il rapporto tra il global warming degli ultimi decenni e la variazione di copertura nevosa e vegetale nelle diverse aree dell’emisfero settentrionale. I risultati sono pubblicati su Environmental Research Letters

Clima, nel 2020 temperature e eventi estremi in aumento

A dirlo il nuovo rapporto Onu sullo stato globale del clima pubblicato dall’Organizzazione mondiale di meteorologia. Le emissioni di gas serra sono in aumento nonostante i lockdown dovuti al Covid19

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Vegetazione e neve modulano il riscaldamento climatico

Lo studio, coordinato dal Cnr, mostra il rapporto tra il global warming degli ultimi decenni e la variazione di copertura nevosa e vegetale nelle diverse aree dell’emisfero settentrionale. I risultati sono pubblicati su Environmental Research Letters

Caporalato e fitofarmaci illegali: operazione dei Nas a Terracina e Venezia

Sgominata un'associazione a delinquere che sfruttava manodopera extracomunitaria nei campi. Legambiente: "Il controllo delle forze dell’ordine deve unirsi a una sempre più consapevole conoscenza dei rischi legati all’utilizzo della chimica dannosa in agricoltura"

Pranzo a base di uccelli protetti nella Comunità montana della Valtrompia

Ventiquattro dipendenti dell'ente sono stati colti in flagrante dai carabinieri forestali mentre banchettavano con pietanze a base di uccelli protetti e vietati. La denuncia della Lega per l’abolizione della caccia che chiede le dimissioni del presidente Massimo Ottelli

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva
Ridimensiona font
Contrasto