domenica, Novembre 1, 2020

Olio di palma, la commissione del Senato ha votato male

oranghi

La Commissione Affari Europei del Senato ha finalmente finito di analizzare e modificare la
“Legge di Delegazione Europea” che include il recepimento italiano della nuova direttiva europea
sulle energie rinnovabili. E male. Male perché, soprattutto in materia di biocarburanti e di bioliquidi dannosi, come l’olio di palma e di soia, non ha fatto neanche lo sforzo di scostarsi dal minimo che richiedeva obbligatoriamente la norma comunitaria.
L’Europa si è accorta che sostituire gasolio con oli alimentari (in particolare di palma e di soia) era dannoso per il clima e la biodiversità, tanto da non considerarli più rinnovabili e decidere di cessare i sussidi. Ma consente agli Stati membri di deciderne i tempi: si possono eliminare subito, come ha già fatto la Francia dal 1 gennaio 2020, oppure non consumarne di più di quanto fatto nel 2019 sino al massimo al 2023, per poi decrescere progressivamente sino ad annullare i consumi entro il 2030.

Cosa ha votato la Commissione? “La graduale esclusione, tra il 1° gennaio 2024 e il 31 dicembre 2030, dell’olio di palma dal novero delle fonti rinnovabili”. Che coraggio politico!
Legambiente aveva inviato a tutti i Commissari un corposo dossier in cui si proponevano due
soluzioni alternative. Stop ad ogni sussidio dal 1 gennaio 2021, un anno dopo i francesi, come
andiamo richiedendo da un anno con la petizione #Unpienodipalle . Oppure, calo di un terzo dei consumi annuali tra il 2021 e il 2023 e cessazione dell’uso dell’olio di palma a fini energetici entro la fine del 2023, come ha deciso anche la stessa Eni, principale consumatore nazionale per il biodiesel usato in Italia e in Europa.
Ma come, l’Eni rinuncia e lo stato italiano continua a pretendere sussidi di legge? E chi paga?Presto detto: pagano i cittadini, con il pieno di benzina e gasolio o con la bolletta elettrica. E chi ci
guadagnerebbe se l’Eni non lo usa più? Ci risulta che la bioraffineria che più importa e vende olio di palma in Italia è l’indonesia Musin Mas, con sede a Milano e impianti presso il porto industriale di Livorno, neanche 40 occupati per un giro d’affari di diverse decine di milioni.
Almeno 200 mila tonnellate di olio di palma, causa di distruzione di foreste tropicali, di torbiere in
Indonesia, biodiversità, orango, tigri, rinoceronti e di aumento delle emissioni di CO2: la
combustione di un litro di olio di palma comporta emissioni di CO2 lungo l’intero ciclo di vita pari
al triplo del gasolio fossile. I senatori che hanno votato lo sapevano, almeno quelli che hanno letto il dossier di Legambiente che hanno ricevuto 2 mesi prima del voto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Senato approva norme plastica monouso, Legambiente: “Bene, ora la legge Salvamare”

Una nuova grande vittoria per l'associazione. Bisogna però consentire ai pescatori di fare la loro parte e di riportare a terra i rifiuti pescati accidentalmente

Qualità dell’aria, ecco tutti i fattori in gioco

Emissione, concentrazione, PM10, gas inquinanti. Un'attenta analisi sulle tante facce dell'inquinamento atmosferico

Troppe macchine per strada, Parigi elimina i parcheggi di superficie

I garage sotterranei costeranno meno. Il vicesindaco: "Rimuoveremo circa la metà degli stalli di sosta, perché il suolo pubblico va usato in modi migliori"   ...

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,925FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Senato approva norme plastica monouso, Legambiente: “Bene, ora la legge Salvamare”

Una nuova grande vittoria per l'associazione. Bisogna però consentire ai pescatori di fare la loro parte e di riportare a terra i rifiuti pescati accidentalmente

Qualità dell’aria, ecco tutti i fattori in gioco

Emissione, concentrazione, PM10, gas inquinanti. Un'attenta analisi sulle tante facce dell'inquinamento atmosferico

Troppe macchine per strada, Parigi elimina i parcheggi di superficie

I garage sotterranei costeranno meno. Il vicesindaco: "Rimuoveremo circa la metà degli stalli di sosta, perché il suolo pubblico va usato in modi migliori"   ...

Grazie Marcello, maestro dell’ambientalismo scientifico

Ci ha lasciato Marcello Buiatti. Era uno scienziato rigoroso ed un ironico comunicatore, legato alle sue radici, politicamente sempre schierato ed impegnato Non è una...

Plastiche biodegradabili e compostabili, approvata nuova misura in Senato

Sostituiranno la plastica per i contenitori monouso che entrano in contatto con gli alimenti. Soddisfatto il ministro dell'Ambiente Costa: "Una misura ambientale importante, maggiori...