martedì 30 Novembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Olio di palma, non sarà più Eni a produrre il biodiesel per l’Indonesia

Deforestazione da olio di palma foto di Mighty Earth

La società energetica statale indonesiana Pertamina ha rotto l’accordo con Eni che prevedeva la costruzione di una bioraffineria in Indonesia allo scopo di trasformare l’olio di palma in biodiesel. Secondo lo stesso accordo, una parte del biodiesel da olio di palma destinato al mercato indonesiano sarebbe stata prodotta in Italia (la stampa indonesiana menziona in particolare una struttura di bioraffinazione a Milano).

La fine della partnership, concordata l’anno scorso, sarebbe una conseguenza degli standard di sostenibilità internazionali adottati da Eni, più forti di quanto Pertamina fosse disposta ad accettare.

A Jakarta, davanti a una commissione della Camera dei rappresentanti, la presidentessa e amministratrice delegata della società indonesiana, Nicke Widyawati, ha spiegato che la maggior parte dei loro fornitori di olio di palma grezzo non soddisfano gli standard di certificazione internazionale richiesti a ENI dall’Unione europea. Il governo italiano avrebbe inoltre fatto pervenire ad Eni un avvertimento formale contro l’utilizzo di olio di palma indonesiano non certificato anche nelle bioraffinerie situate in territorio indonesiano, facendo saltare definitivamente l’accordo.

Pertamina dichiara di aver stretto una nuova intesa con la multinazionale americana Honeywell UOP che offrirà supporto tecnico per la realizzazione della bioraffineria di Plaju, nell’isola di Sumatra. La struttura, che modifica una raffineria preesistente, aprirà nel 2024 e produrrà circa 1 milione di tonnellate di biodiesel all’anno.

L’Indonesia è il principale produttore mondiale di olio di palma e il governo indonesiano sta puntando sul fabbisogno interno di combustibile per compensare la graduale riduzione delle importazioni di olio di palma da parte dell’Unione europea. Questo consentirebbe allo stesso tempo di aumentare l’autosufficienza energetica del Paese.

Il rapido aumento delle percentuali di biocarburante miscelato al diesel imposto dal governo indonesiano ha già iniziato a ripercuotersi sulla domanda di olio di palma e si prevede determinerà ulteriori pressioni sull’utilizzo del suolo, deforestazioni ed emissioni di gas ad effetto serra. Eppure, questo non sembra preoccupare l’Indonesia. Secondo F.X. Sutijastoto, direttore generale del settore energie rinnovabili del Ministero per l’Energia e le risorse minerarie, il Paese dovrebbe produrre complessivamente, entro il 2024, ben 5 milioni e mezzo di tonnellate di biodiesel! Per questo si prevedono collaborazioni con diverse compagnie petrolifere.

Ad oggi, anche dopo una nostra richiesta d’informazioni e di aggiornamenti rispetto a un comunicato stampa pubblicato sull’accordo il 30 gennaio 2019, Eni non ha commentato queste notizie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Articoli correlati

LA LOTTA È SPERANZA. PRESENTAZIONE DI NUOVA ECOLOGIA DI DICEMBRE

DALLE 15:00. Introduce e modera Francesco Loiacono, direttore di Nuova Ecologia, intervengono: Mauro Albrizio, ufficio europeo di Legambiente, Tiziana Guerrisi, fondatrice Next New Media, Grazia Forino, attivista e volontaria del progetto Youth4Climate, Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente, e i giornalisti di Nuova Ecologia Fabio Dessì, Rocco Bellantone, Giulia Assogna. Durante la presentazione Gianlorenzo Ingrami realizza delle vignette in diretta

“La lotta è speranza”, il numero di dicembre de La Nuova Ecologia

La sfida della crisi climatica post Glasgow, le 100 notizie verdi del 2021, l’intervista allo scrittore Paolo Cognetti, l’inchiesta sui Parchi a 30 anni dalla legge quadro che istituì le aree protette in Italia e molto altro. La presentazione oggi alle ore 15.00 sul sito e sui canali social

Inquinamento fiumi in Campania, sequestrati beni per 78 milioni alla società Gesesa

Le indagini hanno rilevato la presenza diffusa di scarichi diretti dalle fogne dei Comuni di Benevento e della provincia nel Calore e nel Sabato

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali

Mediateca delle Terre, un archivio per la cultura contadina

Crocevia inaugura a Roma l’Archivio e Mediateca delle Terre: oltre mezzo secolo di storia contadina in duemila filmati, fotografie, diapositive, libri e riviste da tutto il mondo

Agroecologia, la pastora Assunta Valente premiata ambasciatrice del territorio da Legambiente

Il riconoscimento in occasione del III Forum nazionale dell'Agroecologia Circolare di Legambiente. L'imprenditrice, che svolge la sua attività sulla montagna del frusinate al confine con il Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, da tempo è vittima di atti intimidatori. L'appello della documentarista Anna Kauber: "Non lasciamola sola"
Ridimensiona font
Contrasto