La Giornata della Memoria

Vengono ricordate i 15 milioni di vittime dell’Olocausto rinchiusi e uccisi nei campi di sterminio nazisti prima e durante la Seconda Guerra mondiale. Tanti gli eventi in tutta Italia per “non perdere la memoria”

Giornata della memoria

Ogni anno, nel mondo, il 27 gennaio si celebra la Giornata della Memoria, la ricorrenza durante la quale vengono ricordati 15 milioni di vittime dell’Olocausto (cifra emersa dallo studio dell’Holocaust Memorial Museum di Washington) rinchiusi e uccisi nei campi di sterminio nazisti prima e durante la Seconda Guerra mondiale. Sei milioni di di queste vittime innocenti appartenevano al popolo ebraico: il loro genocidio viene chiamato Shoah.

Incontri, mostre e spettacoli a Roma sono iniziati il 23 febbraio e continueranno fino al 9 febbraio, per un totale di 170 eventi che coinvolgono le scuole, i centri anziani, le comunità rom, sinti e caminanti. Iniziative ideate e promosse da Roma Capitale, Comunità ebraica, le biblioteche civiche, le università, in particolare Roma Tre e, tra gli altri, il Teatro di Roma e la Casa del Cinema.

Milano celebra il Giorno della memoria, lunedì 27, con un programma diffuso che nel corso di gennaio ha interessato tutta la città: la messa in posa di ventotto nuove Pietre d’inciampo, la chiusura del progetto internazionale “FREE, non c’è futuro senza memoria” e una serie di appuntamenti tra seminari, mostre, film e testimonianze.

A Napoli la celebrazione è cominciata il 23 gennaio. Mentre questa mattina è cominciata la giornata, al MEMUS il Museo e Archivio Storico del Teatro di San Carlo di Napoli, con la proiezione gratuita ogni mezz’ora del documentario “The Short Life Of Anne Frank” diretto e prodotto da Gerrit Netten. Il documentario narra, attraverso la drammatica vicenda privata della famiglia Frank, le atrocità delle Seconda Guerra Mondiale e sulla persecuzione degli ebrei.