giovedì, Ottobre 29, 2020

Oceani da salvare

immagine di un pesce sui fondali di un oceano

Si è celebrata il 3 marzo la “Giornata mondiale delle specie selvatiche”, che quest’anno per la prima volta ha avuto come tema “La vita sott’acqua: per le persone e il pianeta”, in linea con l’obiettivo 14 – Life under water dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, il programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto nel 2015 da 193 Stati membri dell’Onu.

A scegliere l’argomento sono stati il Segretariato della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione e il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (United Nations development programme, Undp) per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle criticità e sui valori della fauna marina nella vita di tutti i giorni.

Gli oceani, minacciati dall’inquinamento (soprattutto di plastica, oggi se ne stimano 165 milioni di tonnellate) e sovrasfruttati, “regolano il nostro clima, producono metà dell’ossigeno che respiriamo, forniscono nutrimento per oltre tre miliardi di persone e assorbono il 30% di anidride carbonica dell’atmosfera e il 90% del calore generato dai cambiamenti climatici” ha ricordato Abdoulaye Mar Dieye, segretario generale aggiunto dell’Onu e direttore dell’ufficio per la politica del programma dell’Undp.

David Morgan, del Segretariato della Cites, sottolinea che “tutte le balene e i delfini, le tartarughe marine, i cavallucci marini, molte specie di coralli e sempre più specie di squali sono stati messi sotto protezione dalla Cites”, ricordando che la Convenzione regola l’equilibrio fra uso sostenibile e commercio internazionale per la pesca, impegnandosi a garantire che “il commercio di specie marine elencate nella Convenzione sia legale, sostenibile e tracciabile”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,911FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Vaia, due anni dopo: gli alberi schiantati diventano l’edificio in legno più alto d’Italia

Un progetto di social housing a Rovereto: 9 piani per 29 metri, costruito con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di aziende certificate PEFC e aderenti alla Filiera Solidale

Ciao Rita

Il Covid-19 ci ha portato via Rita Tiberi ed è un immenso dolore. È stata una colonna portante di Legambiente praticamente da sempre, in...