sabato 28 Novembre 2020

Nuova Zelanda, per la prima volta una donna Maori al Ministero degli Esteri

È Nanaia Mahuta, eletta per la prima volta nel 1996 e scelta per questo ruolo dal Primo ministro Jacinda ArdernLa Nuova Zelanda ha nominato per la prima volta una donna indigena come ministro degli Esteri, andando a comporre uno dei parlamenti più diversificati al mondo.

Nanaia Mahuta, di origine Māori, la popolazione indigena della Nuova Zelanda, è stata la prima parlamentare donna del Paese a portare sul mento un moko kauae, il tatuaggio tradizionale, un elemento importante con un forte valore simbolico per la cultura popolare. L’opinione pubblica è concorde nel ritenere che l’immagine di un Ministro degli Esteri con questo tatuaggio connoti in maniera inequivocabile la vera identità della popolazione neozelandese. Mahuta è stata eletta per la prima volta in parlamento nel 1996 ed è stata ministra per lo sviluppo Maori. Nel 2016, durante una cerimonia della tradizione indigena, si è fatta tatuare il moko kauae, che contiene informazioni sulla famiglia, la storia e lo stato di una persona.

Il Parlamento guidato dal Primo Ministro Jacinda Ardern, eletta il mese scorso, ha una composizione interna molto equa: quasi la metà dei legislatori del paese saranno infatti donne – un valore significativamente più alto della media globale (25%) e circa il 10% dei parlamentari appartiene alla comunità LGBTQ. “Questo governo si basa sui meriti, ma sono anche orgogliosa che appaia incredibilmente diverso”, ha detto Ardern annunciando il suo esecutivo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”