venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Nuova mobilità urbana, la lezione di Barcellona

un uomo alla guida di un monopattino elettrico

Il nostro modo di muoverci in città sta cambiando e con questo le regole che lo definiscono. Abbiamo incontrato per la prima volta Pau Noy, presidente della Fundacio mobilitat sostenibile i segura di Barcellona, durante Citytech 2019. Pau li definisce “i nuovi attori della mobilità urbana” e spiega come la città spagnola sta approcciando i cittadini che si muovono in città con nuovi mezzi e servizi. Per quanto riguarda la ripartizione della quota modale a Barcellona, tra viaggi interni ed esterni alla città, l’utilizzo della bicicletta è in leggero aumento anche se ancora basso. Se nei prossimi 4 anni la quantità dovesse arrivare al 4-5% e 1 su 5 di questi viaggi venissero effettuati con i monopattini, la quota di questi ultimi sarebbe dell’1%. Gli spostamenti con i monopattini possono essere urbani (come per lo scooter, la maggior parte dei viaggi e monomodale); o suburbani: multimodali (di solito monopattino + treno).

Pau propone una strategia per migliorare la mobilità sostenibile: potenziare il trasporto pubblico e il car sharing, dare priorità assoluta agli spostamenti ciclabili, sviluppare la micromobilità e migliorare gli spazi pubblici pedonali. Le biciclette e i monopattini elettrici, i protagonisti della  mobilità individuale moderna, hanno alcune caratteristiche comuni: sono condivisibili, leggeri (tra i 10 e i 20 kg), il loro consumo di energia è praticamente nullo, sono 100% sostenibili, trasportabili, pensate per tratte brevi e si integrano perfettamente con il trasporto pubblico. Si differenziano per la stabilità, minore nei monopattini, e per la trasportabilità che è meno agevole per le biciclette.

Barcellona ha sviluppato un regolamento per i veicoli per la mobilità individuale (Vmp). Il Vmp prevede la classificazione dei mezzi di micromobilità in 5 categorie. La A raccoglie monoruote, hoverboard e monopattini (i più piccoli e più leggeri), la B i segway e i monopattini (i più grandi), la C le bici con più di due ruote. La C0 raccoglie bici per uso personale, assimilabile a una bicicletta, mentre la C1 biciclette destinata ad un’attività economica e turistica e C2 quelle per il trasporto di merci

E in Italia? Chiediamo al Parlamento di togliere le barriere a una mobilità sostenibilie, che non inquina. Esempi come quello di Barcellona ci fanno capire che si può fare. In questa direzione la petizione “monopattini liberi” lanciata da Legambiente. Firma anche tu!

Giulia Persico
Laureata in Giurisprudenza con tesi sul regime internazionale di tecnologie di emissioni negative. Collabora con Legambiente nel settore mobilità. Assistente alla didattica presso la Facoltà di Giurisprudenza di Brescia. Discute di mobilitazioni per il clima una volta a settimana su Radio Popolare

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto