venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Nucleare, il Giappone si ferma per Fukushima

una squadra di "liquidatori" nei pressi dell'impianto nucleare

Il Giappone si ferma per commemorare l’ottavo anniversario dalla catastrofe di Fukushima: il sisma di magnitudo 9 che ha generato il successivo tsunami e l’incidente alla centrale nucleare. Alle 14:46 in punto è stato osservato un minuto di silenzio al Teatro nazionale di Tokyo, l’esatto orario in cui si è verificato il terremoto l’11 marzo del 2011, così come è stato osservato lungo i litorali della costa del Tohoku, Giappone nord orientale, quelli devastati dall’onda anomala.

La gran parte del suolo trattato per la decontaminazione dopo la catastrofe di Fukushima resta parcheggiato in oltre centomila località all’interno della Prefettura. Lo ha rilevato il ministero dell’Ambiente giapponese, spiegando che il terreno prelevato per abbassare il livello delle radiazioni è stato disposto nei giardini di abitazioni private o nei pressi dei parcheggi, per poi essere trasportato in centri per l’immagazzinamento, a partire dal 2015, in due diverse città della regione.

Tuttavia, solo il 17% del suolo è stato prelevato dalle diverse località, che secondo i dati del ministero ammontano a 104.938, 933 invece i centri di accumulo. Il governo ha spiegato che nel prossimo anno fiscale intende dislocare il doppio dell’importo della terra trasferita durante lo scorso anno, per completare il progetto entro il marzo 2022, senza però includere gli appezzamenti nella zone di evacuazione in cui ancora oggi non è possibile per i residenti tornare a vivere. Gli stessi, esercitano pressione sull’esecutivo, accusandolo di non fare abbastanza per accelerare il processo di decontaminazione dell’area.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto