martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Non è democratico l’emendamento che proroga incentivi alle auto a benzina e diesel

Il Pd ha presentato un emendamento alla Legge di Bilancio che è a vantaggio di pochi, “difende il fossile” e sfavorisce le auto elettriche

Ancora bonus auto inquinanti. Per la terza da inizio anno, il solito onorevole Pd Gianluca Benamati ha presentato (con l’appoggio implicito dei populisti di destra) un emendamento alla legge di bilancio per regalare 324 milioni di bonus ai concessionari auto per la vendita di autoveicoli a emissioni di CO2 g/km talmente alte (ben 135, mentre la media del nuovo venduto in Europa dovrebbe essere al di sotto dei 95) da includere anche i tradizionali modelli diesel e benzina. Abbiamo già denunciato più volte che un tale premio non aumenta in alcun modo i vantaggi per il cittadino ma aiuta solo i concessionari a promettere i soliti sconti sui listini (circa 5 mila euro). Sconti che compensano le multe che le case auto dovranno pagare su quelle che superano la media di inquinamento fissata su scala continentale.

Le case tengono alti i prezzi di listino, promuovono sconti pazzeschi (gli stessi dell’anno scorso) e usano il bonus per pagare la multa per inquinamento. Peccato che Benamati proponga bonus aumentando il debito pubblico, quindi i soldi del contribuente italiano.

Ma è un’altra la conseguenza nefasta della proposta populista di Benamati. Le auto nuove fossili e inquinanti vendute in questi ultimi 15 anni in Italia, in tutte le fasce di gamma, sono aumentate di prezzo tra il 17% e il 25%. Mentre l’Italia ha perso ricchezza, il Pil – dal 2007 a oggi – è tornato a quello del 2000. Pochi ricchi ancora più ricchi, tanti, il 70% degli italiani più poveri. Non c’è da stupirsi che il mercato auto nuove continui a perdere colpi. Sono pochi gli italiani che oggi pensano a farsi l’auto nuova dopo la crisi sanitaria.

E in Europa? Il mercato auto nuove nel Vecchio Continente si evolve, diminuiscono le vendite, diminuiscono gli acquisti delle famiglie (dal 45% al 43%, tra 2015 e 2019) mentre aumentano quelli delle aziende e flotte noleggi (dal 55% al 57%). In Germania nel 2019: famiglie 34%, aziende 66%. Francia: famiglie 46%, aziende 54%. In Italia, al contrario, famiglie 60% e aziende 40%. A ottobre 2020, nel calo di mercato e per effetto dei bonus tutti orientati a favorire gli acquisti delle famiglie (quelle che se lo possono permettere, nella crisi), famiglie 69%, flotte 31%.

Le auto nuove costano sempre di più. Le auto elettriche, nonostante bonus e incentivi, costano all’acquisto ma cominciano a convenire per i bassi costi di gestione. Conclusione: l’Italia carica l’elevato costo del rinnovo del parco auto sulle famiglie, mentre tutta Europa promuove l’investimento delle aziende nelle auto elettriche, quelle più propense ed interessate a valutare il costo totale di uso delle auto nella loro vita.

L’onorevole Benamati promuove l’auto solo per la minoranza degli italiani non colpiti dalla crisi, difende il fossile e l’inquinamento per tutti gli altri e fa vendere poche auto elettriche (in Italia il 2%, in Germania e Francia il 7% del mercato). Mi pare che la ricca Germania sia insieme più green e democratica di noi.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico
Ridimensiona font
Contrasto