sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Non deforestate in nostro nome

Amazzonia incendi

I devastanti incendi in Amazzonia richiedono un’immediata svolta nell’azione europea contro la deforestazione. In Europa, consumi e finanza sono strettamente connessi con l’attuale crisi della deforestazione in Brasile e negli altri Paesi della regione amazzonica. L’Unione Europea è infatti il secondo partner commerciale del Brasile: il 19% di tutta la soia consumata nella Ue è di provenienza brasiliana e il 10% della carne esportata dal Brasile è destinata al mercato europeo. L’Europa è anche grande importatrice di legno tropicale. Tre prodotti strettamente connessi con l’attuale crisi amazzonica.
L’Europa può e deve agire subito in due modi: sospendere la ratifica dell’accordo di libero scambio Ue-Mercosur e adottare un pacchetto legislativo che regoli il comportamento del settore finanziario e delle imprese, con norme in grado di assicurare che gli investimenti europei nei Paesi del Mercosur e i prodotti immessi nel mercato europeo non siano causa di deforestazione, degrado ambientale o abuso dei diritti umani.
Nell’accordo commerciale Ue-Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) tutti i contraenti si sono impegnati ad applicare gli impegni previsti dall’accordo sul clima di Parigi. Ma l’attuale crisi legata alla deforestazione in Amazzonia contravviene palesemente a questi impegni. È insomma urgente che l’Unione Europea sospenda la ratifica dell’accordo Ue-Mercosur, in modo da poter introdurre nel “contratto” forti e vincolanti clausole di salvaguardia che consentano la protezione delle foreste e il rispetto dei diritti delle comunità indigene. Nello stesso tempo, la Commissione deve dare pieno seguito al suo piano d’azione, lanciato lo scorso luglio, per proteggere e ripristinare le foreste del pianeta anche attraverso “nuovi interventi di regolamentazione per ridurre al minimo la deforestazione e il degrado forestale causati dai consumi dell’Unione”. Norme che vanno subito adottate. Lo chiede la grande maggioranza dei cittadini europei. Secondo un recente sondaggio di YouGov, l’87% degli europei è favorevole a nuove norme che assicurino che il cibo che mangiano e i prodotti che comprano non siano il risultato della deforestazione del pianeta.

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto