lunedì 21 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Non deforestate in nostro nome

Amazzonia incendi

I devastanti incendi in Amazzonia richiedono un’immediata svolta nell’azione europea contro la deforestazione. In Europa, consumi e finanza sono strettamente connessi con l’attuale crisi della deforestazione in Brasile e negli altri Paesi della regione amazzonica. L’Unione Europea è infatti il secondo partner commerciale del Brasile: il 19% di tutta la soia consumata nella Ue è di provenienza brasiliana e il 10% della carne esportata dal Brasile è destinata al mercato europeo. L’Europa è anche grande importatrice di legno tropicale. Tre prodotti strettamente connessi con l’attuale crisi amazzonica.
L’Europa può e deve agire subito in due modi: sospendere la ratifica dell’accordo di libero scambio Ue-Mercosur e adottare un pacchetto legislativo che regoli il comportamento del settore finanziario e delle imprese, con norme in grado di assicurare che gli investimenti europei nei Paesi del Mercosur e i prodotti immessi nel mercato europeo non siano causa di deforestazione, degrado ambientale o abuso dei diritti umani.
Nell’accordo commerciale Ue-Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) tutti i contraenti si sono impegnati ad applicare gli impegni previsti dall’accordo sul clima di Parigi. Ma l’attuale crisi legata alla deforestazione in Amazzonia contravviene palesemente a questi impegni. È insomma urgente che l’Unione Europea sospenda la ratifica dell’accordo Ue-Mercosur, in modo da poter introdurre nel “contratto” forti e vincolanti clausole di salvaguardia che consentano la protezione delle foreste e il rispetto dei diritti delle comunità indigene. Nello stesso tempo, la Commissione deve dare pieno seguito al suo piano d’azione, lanciato lo scorso luglio, per proteggere e ripristinare le foreste del pianeta anche attraverso “nuovi interventi di regolamentazione per ridurre al minimo la deforestazione e il degrado forestale causati dai consumi dell’Unione”. Norme che vanno subito adottate. Lo chiede la grande maggioranza dei cittadini europei. Secondo un recente sondaggio di YouGov, l’87% degli europei è favorevole a nuove norme che assicurino che il cibo che mangiano e i prodotti che comprano non siano il risultato della deforestazione del pianeta.

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto