mercoledì 25 Novembre 2020

Non ci resta che Glasgow

foto di Loiacono.jpgIl 2020 è arrivato e possiamo dire che l’Italia ha rispettato gli obiettivi del famoso 20-20-20, quelli sulla riduzione delle emissioni, sull’aumento delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Ma non è vera gloria, perché come spiega Sergio Ferraris a pagina 18, il nostro Paese ha giovato di un “tesoretto di tecnologie”, eredità della sua cronica scarsità di energia. Adesso che l’emergenza climatica impone un serio balzo in avanti, l’Italia è titubante nella transizione verso un futuro a zero emissioni. Il taglio dei sussidi alle fonti fossili è infatti ancora un miraggio e rallenta lo sviluppo delle rinnovabili e delle politiche climatiche, come certifica il 26° posto nella classifica mondiale stilata da Germanwatch, Can e New climate institute nel loro rapporto annuale. La necessaria inversione di rotta non è neanche in discussione, visto che il Piano nazionale energia e clima pianifica una riduzione delle emissioni al 2030 di un modesto 37% a fronte del 55 votato dall’Europarlamento.

Oltre a ridurre le nostre emissioni, fra i buoni propositi per l’anno appena cominciato dovremmo mettere anche quello di consumare meno, soprattutto se si tratta di prodotti che derivano dal taglio indiscriminato degli alberi. Un recente studio delle università di Padova, Torino e Milano, citato nell’inchiesta a pagina 30, dice che l’Italia è il sesto Paese al mondo importatore di “deforestazione incorporata” nei prodotti. Come consumatori siamo dunque i “mandanti” della devastazione di ettari di boschi. E non solo in Amazzonia, dove continuano le esecuzioni dei “guardiani della foresta”. Eppure le popolazioni indigene non proteggono solo il loro territorio ma il clima globale, come racconta nell’intervista concessa a Silvia Zamboni (pag. 38) Caetano Scannavino, fondatore della ong Alegria e Saude, accusata da Bolsonaro di appiccare i roghi per ricevere donazioni.

Dopo il flop del vertice Onu di Madrid sui cambiamenti climatici, il 2020 è l’anno cruciale per salvare il pianeta e chi lo abita dall’emergenza climatica. A novembre è in programma la Cop26 a Glasgow, pochi giorni prima si terranno le elezioni presidenziali negli Stati Uniti. La presenza o l’assenza del climanegazionista Donald Trump in Scozia peserà sul raggiungimento di un accordo realmente efficace.
Intanto, non ci resta che fare la nostra parte come cittadini e consumatori responsabili.

 

 

Francesco Loiacono
Direttore La Nuova Ecologia. Giornalista ambientale autore di inchieste su dissesto idrogeologico, inquinamento industriale, bonifiche e amianto. Email: direttore@lanuovaecologia.it Twitter: @francloia

Articoli correlati

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Per 9 europei su 10 il vetro è il miglior contenitore di alimenti e bevande. Il nuovo logo è un marchio di garanzia che ne "certifica" qualità e benefici

Rapporto CittàClima 2020

Presentazione del Rapporto 2020 dell’osservatorio di Legambiente CittàClima: la mappa di 10 anni di impatti sul territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,131FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Per 9 europei su 10 il vetro è il miglior contenitore di alimenti e bevande. Il nuovo logo è un marchio di garanzia che ne "certifica" qualità e benefici

Rapporto CittàClima 2020

Presentazione del Rapporto 2020 dell’osservatorio di Legambiente CittàClima: la mappa di 10 anni di impatti sul territorio italiano

Notte europea dei ricercatori, quest’anno un’edizione tutta in streaming

Una settimana ricca di eventi, incontri, documentari e talk online per aumentare la consapevolezza dei cittadini sulle sfide globali della società. E il 27 novembre in diretta sulla piattaforma digitale Rai Play

Lanciato il nuovo satellite di Copernicus per monitorare l’innalzamento dei mari

Sentinel-6 Michael Freilich mapperà ogni 10 giorni il 95% degli oceani della Terra liberi da ghiaccio e fornirà importanti informazioni per studiare il clima e gli effetti del cambiamento climatico / Erosione costiera, Legambiente: in 50 anni persi 23 metri di profondità di spiagge