venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

#NoiNonArchiviamo l’assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin

Oggi il primo evento per l’anniversario del loro assassinio. Il 4 ottobre 2019 il gip di Roma ha respinto la precedente richiesta di archiviazione e ha disposto una serie di ulteriori accertamenti investigativi. Un nuovo filone di indagine di cui si attende l’esito

In occasione del 27° anniversario dell’assassinio della giornalista Ilaria Alpi e dell’operatore Miran Hrovatin saranno tante le iniziative di#NoiNonArchiviamo. I due professionisti del TG3, uccisi da colpi di mitra nella testa e ritrovati il il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, aspettano ancora giustizia. Proprio per questo è nato l’appello e il movimento “Noi non archiviamo” promosso da Federazione nazionale della Stampa italiana, Usigrai e associazione Articolo21.«Non sarà solo un’occasione di commemorazione, ma anche per riaccendere i riflettori sulle inchieste ancora in atto e sugli elementi prodotti dall’avvocato Giulio Vasaturo, che rappresenta le associazioni dei giornalisti come ‘parti offese’», anticipa il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti.

Ilaria Alpi e Miran: l’anniversario

“Gli organismi di rappresentanza dei giornalisti sono parti offese nel procedimento di indagine sull’attentato e noi intendiamo far valere e ricordare questo nostro ruolo nei modi consentiti ma senza rinunciare ad una battaglia per la giustizia e la verità che ci vede in prima line a nel nome di Ilaria e Miran”
– Giuseppe Giulietti, Presidente Fnsi

Il 18 marzo nel parco di Latina dedicato a Ilaria e Miran, si terrà una breve cerimonia con  la deposizione di fiori sotto la targa che li ricorda da parte del presidente della Fnsi Giulietti e del sindaco di Latina, Damiano Coletta, con la partecipazione di Giulio Vasaturo, avvocato degli organismi di rappresentanza dei giornalisti nel processo. La presenza dell’avvocato ha l’obiettivo di sottolineare la  volontà dei giornalisti di essere parte del percorso giudiziario per accertare la verità.

Venerdì 19 , alle 15, evento on line organizzato da Articolo 21 (sulla piattaforma Zoom) noi non archiviamo #ilariaalpi #miranhrovatin  incontro su Ilaria Alpi e Miran Hrovatin in occasione dell’anniversario. I  lavori saranno coordinati da Elisa Marincola, portavoce di Articolo 21, e Roberto Natale, coordinatore del comitato scientifico di Articolo 21. Sono previsti gli interventi di Mariangela Gritta Grainer, Giulio Vasaturo, Umberto Alpi, Francesco Cavalli, Giuseppe Giulietti, Vittorio Di Trapani, Andrea Vianello, Mario Orfeo, Chiara Cazzaniga, Lorenzo Frigerio con letture di Ottavia Piccolo tratte da “Lo schifo: omicidio non casuale di Ilaria Alpi nella nostra ventunesima regione” di Stefano Massini e un intervallo musicale di Nicola Alesini.

Ilaria Alpi e Miran: l’inchiesta

Il 4 ottobre 2019 il gip di Roma ha respinto la precedente richiesta di archiviazione e ha disposto una serie di ulteriori accertamenti investigativi. Un nuovo filone di indagine di cui si attende l’esito. “Gli organismi di rappresentanza dei giornalisti sono parti offese nel procedimento di indagine sull’attentato e noi intendiamo far valere e ricordare questo nostro ruolo nei modi consentiti ma senza rinunciare ad una battaglia per la giustizia e la verità che ci vede in prima line a nel nome di Ilaria e Miran” conclude Giulietti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto