venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Il Next Generation EU per superare la pandemia e l’emergenza climatica

L’Europa nel 2020 ha tracciato la strada del Green Deal. Una strada ancora in salita. Ma con una chiara direzione di marcia: fronteggiare il degrado ambientale e decarbonizzare l’economia europea per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.

E trasformare così l’Europa in un’economia sostenibile, efficiente sotto il profilo delle risorse naturali e competitiva a livello globale, attraverso una transizione equa ed inclusiva per tutti. Per vincere questa sfida ambiziosa sono stati messi in campo la prima Legge quadro europea sul clima, la nuova strategia industriale europea, il piano d’azione per l’economia circolare, la strategia alimentare “Dal produttore al consumatore” (From farm to fork), la strategia sulla biodiversità per il 2030, le strategie per l’integrazione dei sistemi energetici e per l’idrogeno, la strategia per la energie rinnovabili offshore, la strategia per una nuova “ondata di ristrutturazioni” (Renovation Wave for Europe) del patrimonio edilizio europeo, la strategia sulle sostanze chimiche per la sostenibilità.

foto di Mauro Albrizio“C’è forte contrapposizione tra la nuova strategia alimentare “Dal produttore al consumatore” e la revisione di facciata della Politica Agricola Comune (Pac)”
– Mauro Albrizio

Proposte non sempre all’altezza della sfida ambiziosa del Green Deal ed in alcuni casi contraddittorie. L’esempio più eclatante è la forte contrapposizione tra la nuova strategia alimentare “Dal produttore al consumatore” e la revisione di facciata della Politica Agricola Comune (PAC) che vanno in direzioni diametralmente opposte.

È in questo contesto che è stata formulata la risposta europea alla crisi pandemica attraverso il programma di investimenti e riforme Next Generation EU. Risposta che punta ad investire nel Green Deal Europeo abbandonando le ricette del passato con l’obiettivo di “build back better”, ricostruire meglio e in modo diverso, con innovazione, sostenibilità, attenzione al disagio sociale cresciuto in questi anni di crisi e ponendo al centro un’ambiziosa azione climatica. Si tratta di ben 750 miliardi di euro, tra sovvenzioni e prestiti, che aggiunti al bilancio ordinario europeo mettono in campo nei prossimi anni investimenti per oltre 1.800 miliardi, di cui 309 sono destinati al nostro Paese. Risorse che possono aiutare a tradurre in realtà il Green Deal, se nei prossimi mesi i governi europei, a partire dall’Italia, hanno la volontà politica e la capacità di saper utilizzare al meglio la grande opportunità di Next Generation EU. Un’opportunità che può consentirci di superare la crisi pandemica e fronteggiare l’emergenza climatica, attraverso una ripresa verde ed inclusiva in grado di accelerare la decarbonizzazione dell’economia europea.

 

>> Leggi lo speciale 2020, un anno di ambiente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Leggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto