sabato 27 Novembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Negli Usa di Trump
l’ambiente vede nero

donaldtrump

C’è un grafico che nella sua semplicità spiega cosa ci si deve attendere sul fronte delle politiche ambientali dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Lo ha pubblicato nei giorni scorsi una società di consulenza indipendente, la Lux research (www.luxresearch.com), specializzata in innovazione tecnologica, con sedi dagli Usa al Giappone: le emissioni di Co2 dell’economia americana sono destinate a crescere del 16% nei prossimi 8 anni, immaginando che Trump regga la Casa Bianca per due mandati. In valori assoluti, si tratta di 3,4 miliardi di tonnellate di anidride carbonica in più destinate a finire nell’atmosfera. Se avesse prevalso la Clinton, le emissioni avrebbero, invece, continuato a scendere.
Quasi cancellata dai tre dibattiti pre-elettorali tra Clinton e Trump, (come ricorda Alessandro Martorana in una puntuale analisi pubblicata il 7 novembre dal quotidiano on line International business time) con appena tre citazioni di sfuggita e tutte della Clinton, la questione cruciale dei cambiamenti climatici è destinata ad “oscurare” rapidamente altre polemiche di maggior “successo” mediatico, come quelle sulle tasse non pagate o sulle battute sessiste del neo presidente Usa.
Trump, che fino al 2014 definiva pubblicamente il climate change come una “costosa bufala”, ha promesso in campagna elettorale di ritirare gli impegni assunti da Obama con la Cop 21 di Parigi sulle riduzioni di gas serra; ha annunciato la fine della moratoria per le estrazioni di carbone negli Usa; ha fortemente criticato gli incentivi alle rinnovabili e i “vincoli” che impediscono lo sfruttamento più massiccio del gas e di altre “risorse energetiche americane”, come il petrolio. Non bastasse, l’ex tycoon ha definito una “disgrazia” l’Epa (l’Agenzia federale per la protezione dell’ambiente) minacciandone la chiusura.
Non ha giovato, in questo scenario abbastanza inquietante per il futuro delle politiche ambientali negli Usa e su scala globale, la “timidezza” con cui la Clinton ha trattato differenze così profonde con il suo antagonista repubblicano. Maliziosamente si potrebbe ricordare il forte sostegno economico delle lobby petrolifere alla candidata democratica, ma è un dato di fatto che ambiente e climate change sono rimasti lontanissimi dai riflettori di questa lunga e aspra campagna elettorale.
Le speranze concretamente accese da Obama, decisivo per la buona riuscita della Cop 21 di Parigi, rischiano di naufragare nell’era Trump. E si dovrà verificare con grande attenzione quanto accadrà in questi giorni durante i lavori della Cop 22 di Marrakech, soprattutto per quanto riguarda le risorse indispensabili per dare concretezza alla riduzione delle emissioni e alle politiche di adattamento ai cambiamenti climatici. Una delle minacce lanciate da Trump nei mesi scorsi, infatti, è stata quella di azzerare tutti i finanziamenti in materia destinati ai programmi dell’Onu.
Merita una riflessione, infine, quanto è accaduto in pochi mesi da Londra a New York, nella culla storica e ideologica del liberismo economico, del turbo capitalismo e della globalizzazione senza freni: di fronte alla crisi di un sistema che hanno sostanzialmente costruito e imposto come pensiero, inglesi e americani “girano le spalle al mondo”, in nome di un neo-protezionismo che fa paura. Una ragione in più per rivendicare e promuovere un’economia nuova, civile, ecologica e solidale, come quella che sta animando le giornate di Ecomondo a Rimini. Piccoli segnali, sicuramente, se confrontati con quanto è accaduto in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Ma non saranno certo Trump e la Brexit a costruire un futuro desiderabile per tutti.

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

Premio Luisa Minazzi Ambientalista dell’anno 2021

A Casale Monferrato dal 27 novembre al 4 dicembre il consueto appuntamento con il festival delle realtà virtuose. C'è ancora tempo fino al 28 novembre per votare sul sito www.premioluisaminazzi.it

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali

Mediateca delle Terre, un archivio per la cultura contadina

Crocevia inaugura a Roma l’Archivio e Mediateca delle Terre: oltre mezzo secolo di storia contadina in duemila filmati, fotografie, diapositive, libri e riviste da tutto il mondo

Agroecologia, la pastora Assunta Valente premiata ambasciatrice del territorio da Legambiente

Il riconoscimento in occasione del III Forum nazionale dell'Agroecologia Circolare di Legambiente. L'imprenditrice, che svolge la sua attività sulla montagna del frusinate al confine con il Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, da tempo è vittima di atti intimidatori. L'appello della documentarista Anna Kauber: "Non lasciamola sola"
Ridimensiona font
Contrasto