lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Navi, aumentano le demolizioni illegali e gli impatti ambientali

Tra il 2014 e il 2018 l’80% di portacontainer e petroliere è stato smaltito in sole 3 nazioni, dove i cantieri rispondono a normative ambientali e per la sicurezza nei luoghi di lavoro piuttosto deboli: Bangladesh, India e Pakistan. Lo rivela uno studio pubblicato su Nature

Cresce in maniera incontrollata il numero delle grandi navi che in tutto il pianeta vengono demolite illegalmente, con impatti ambientali enormi. Nonostante il loro ruolo strategico per il commercio mondiale, di cui si fanno carico al 90%, queste grandi navi una volta rientrate definitivamente in cantiere per essere “smaltite” finiscono con il causare elevati volumi di inquinamento in mare. E ciò accade soprattutto in questi Paesi che hanno normative molto “elastiche” su ciò che viene consentito di fare o meno nei cantieri di demolizione.

“Bandiere di comodo”: cosa sono e a cosa servono

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Shanghai Maritime University in Cina guidato da Zheng Wan, e di cui dà notizia Nature, segnala che il numero di navi registrate in nazioni diverse dal loro Paese di origine – utilizzando le cosiddette “bandiere di comodo” – è salito alle stelle dal 2002. Una pratica che consente agli armatori con sede legale in Stati con rigide normative ambientali in materia di smantellare in Paesi più “permissivi” le loro navi, a buon mercato e senza particolari preoccupazioni sull’inquinamento generato. Questi armatori si trovano principalmente in diversi Paesi membri dell’Ue, negli Stati Uniti, in Corea del Sud e Giappone, dove controllano la grande maggioranza della flotta mondiale di petroliere e portacontainer.

Tra il 2014 e il 2018, l’80% di queste navi è stato demolito in sole 3 nazioni, dove i cantieri navali rispondono a normative ambientali e per la sicurezza nei luoghi di lavoro piuttosto deboli: Bangladesh, India e Pakistan. Nell’Ue la pratica dell’adozione di una “bandiera di comodo” per eludere le normative – non solo per le demolizioni ma anche per non pagare delle tasse ed evitare di attenersi a una serie di misure rispetto ad esempio al rapporto tra caratteristiche e capacità della nave e peso ed entità del carico trasportato – è particolarmente diffusa. Basti pensare che tra il 2002 e il 2019, la percentuale di navi di proprietà di nazioni dell’Ue registrate in Paesi extra Ue è passata dal 46% al 96%. Se prima le sponde predilette si trovano a Panama e Liberia, negli ultimi anni sono cresciute le quotazioni di Comore e Palau, che vendono bandiere di comodo a prezzi molto convenienti e hanno regolamentazioni inadeguati riguardo la demolizione delle navi.

Tra il 2014 e il 2018, l’80% di queste navi è stato demolito in sole 3 nazioni, dove i cantieri navali rispondono a normative ambientali e per la sicurezza nei luoghi di lavoro piuttosto deboli: Bangladesh, India e Pakistan

Questo stato di cose palesa l’inefficacia di alcuni trattati internazionali: come la Convenzione di Basilea del 1992 per prevenire il trasferimento di rifiuti pericolosi dai Paesi sviluppati a quelli meno sviluppati, o la Convenzione di Hong Kong del 2009 per la demolizione e il riciclo sicuro e rispettoso dell’ambiente delle navi.

I danni di tutto ciò sono allarmanti sia per l’ambiente che per la salute umana. Nei cantieri dove vengono effettuate le demolizioni vengono rilasciate infatti ingenti quantità di mercurio, piombo, amianto, sostanze che riducono lo strato di ozono e pesticidi nel suolo e in mare. Mentre secondo un altro studio sull’argomento pubblicato dall’International Journal of Hygiene and Environmental Health, entro il 2027 quasi 5.000 lavoratori nei cantieri di demolizione delle navi in ​​India saranno morti di mesotelioma, un tumore maligno causato dall’inalazione di amianto.

Ti potrebbe interessare anche
Emissioni in alto mare
Abbonati a Nuova Ecologia

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto