domenica 25 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Napoli, il circolo e centro di educazione ambientale Parco letterario Vesuvio presidio di rigenerazione urbana

Le principali azioni riguardano la lotta agli stereotipi negativi  e il miglioramento della vivibilità del quartiere Forcella. Puntando anche sul turismo sostenibile

La gestione virtuosa degli spazi pubblici, l’uso più responsabile delle risorse e la mobilità sostenibile sono le sfide che le città italiane si sono poste in questo periodo di ripresa post pandemia. Legambiente lavora da tempo su questi temi e il cuore pulsante del suo attivismo è nei presidi presenti in tutto il territorio nazionale, luoghi in cui la cittadinanza attiva si riappropria di uno spazio pubblico o privato il quale altrimenti verrebbe abbandonato o sottoutilizzato e dove si svolgono attività sostenibili sotto gli aspetti ambientali, sociali ed economici. I responsabili di questi presidi portano avanti le attività in collaborazione con la collettività locale riqualificando ed esaltando i luoghi in cui sorgono e affrontando le criticità peculiari. Uno di questi è il circolo e CEA Parco Letterario Vesuvio nel quartiere di Forcella della città di Napoli attivo dal 1999. La sua storia ha inizio grazie all’assegnazione di fondi derivanti dal bando europeo per la promozione di parchi letterari del Mezzogiorno d’Italia, con i quali hanno realizzato itinerari ed eventi con l’obiettivo di far conoscere e promuovere il patrimonio naturalistico, culturale e ambientale dell’area del Parco Nazionale del Vesuvio.

Da subito questo presidio ha dimostrato una propensione al lavoro di squadra collaborando con i tre circoli locali e limitrofi di Somma Vesuviana, Ottaviano e Trecase. Oggi è impegnato, nel centro storico di Napoli, insieme a una rete di sette associazioni e cittadini, in due progetti di riqualificazione urbana: FA.RE Comunità – Famiglia responsabile per una comunità educante a Forcella in collaborazione con esercenti, artigiani e abitanti sui temi dell’urbanismo tattico, del turismo sostenibile e cittadinanza attiva. Le principali azioni riguardano la lotta agli stereotipi negativi legati al quartiere e il miglioramento della vivibilità.

L’altro progetto è RigenerArte, incentrato sul turismo sostenibile e la conoscenza di beni culturali e socio-economici del quartiere, attraverso la proposta di itinerari teatralizzati in cui i turisti rivivono le vicende della Napoli antica tramite le voci e le interpretazioni di alcuni attori. “Un progetto a cui abbiamo creduto molto – racconta Paola Silvi, presidente di Parco letterario del Vesuvio – è stato il concorso fotografico “Zona NTL – Napoli, Turismo e Legalità” dedicato al quartiere di Forcella, Maddalena e Capuana, rivolto agli studenti delle scuole secondarie e organizzato con l’Associazione Annalisa Durante. Con questa intenzione abbiamo avvicinato le nuove generazioni alle origini della loro città, approfondendo l’evoluzione storica, urbanistica ed architettonica. Gli studenti hanno acquisito maggiore consapevolezza delle numerose opere presenti nei quartieri indicati, i monumenti storici, le opere d’arte, i luoghi simbolo e reperti ancora troppo poco conosciuti al grande pubblico, che meritano di essere scoperti e divulgati”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

 

Articoli correlati

FestambienteSud parte dall’economia circolare, l’agroecologia e la musica di Daniele Sepe

Al via della XVII edizione del festival nazionale di Legambiente per il Sud l’ecoforum e un incontro sull’economia circolare. In serata il concerto di Daniele Sepe . Il video racconto della prima giornata di FestambienteSud 2021

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Elettromagnetismo, continua il tentativo di innalzare i limiti di legge

In queste settimane, grazie alla vigilanza della società civile, si è scongiurato il rischio di emendamenti per aumentare da 6 v/m a 61 v/m. Ma la battaglia in Parlamento non è ancora finita

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone
Ridimensiona font
Contrasto