martedì 1 Dicembre 2020

Napoli, al via il canale web “Ciak si scienza”

immagine di una ricercatrice al lavoro

di Teresa Panzarella

Sensibilizzare i cittadini alla salvaguardia del pianeta. È questo l’obiettivo di “Ciak si scienza”, il canale web di divulgazione scientifica promosso dall’Università Federico II di Napoli. Il progetto consiste in un canale che sarà contenitore di video che tratteranno diverse notizie ambientali. Chimica verde, bioeconomia e economia circolare, sono solo alcuni degli argomenti che verranno affrontati nella piattaforma. L’intenzione è quella di utilizzare un linguaggio semplice per spiegare temi ai non addetti ai lavori. Sul canale web si suggeriscono soluzioni e buone pratiche per attivare un circolo virtuoso fra istituzioni, aziende e consumatore finale. L’idea è di Vincenza Faraco, docente di chimica e biotecnologia delle fermentazioni alla Federico II, in collaborazione con il suo gruppo di ricerca. «È un po’ come se uscissi dal mio laboratorio per raggiungere le persone nel loro quotidiano attraverso i loro smartphone spiega la dottoressa Faraco. – Sono sempre stata convinta che se raggiungiamo un risultato nel campo della ricerca ma poi non lo divulghiamo quel risultato non avrà la possibilità di essere applicato. La salute del nostro pianeta interessa tutti noi».

La scelta di usare lo strumento video nasce dall’esigenza di creare un contenuto accattivante, che possa essere fruito anche in un momento di pausa durante l’arco della giornata. I filmati sono stati sinora girati nei laboratori del Centro di servizio di ateneo per le scienze e tecnologie per la vita (Cestev). Sul canale è già disponibile il primo video dal titolo “Un mare di rifiuti generato dalle plastiche”.

“Ciak si scienza” vuole essere un’iniziativa dinamica e interattiva che prevederà anche collegamenti da conferenze internazionali per raccontare gli avanzamenti più recenti nel settore green. Non mancheranno riprese in altri centri di ricerca, aziende e interviste a esperti del campo. «Ciò che mi auguro – conclude la professoressa Faraco – è che le persone si sensibilizzino rispetto all’importanza dei temi che tratteremo e che quindi siano più predisposte a un cambiamento. Solo così salvaguarderemo il pianeta».

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,168FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste