venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Napoli, al via il canale web “Ciak si scienza”

immagine di una ricercatrice al lavoro

di Teresa Panzarella

Sensibilizzare i cittadini alla salvaguardia del pianeta. È questo l’obiettivo di “Ciak si scienza”, il canale web di divulgazione scientifica promosso dall’Università Federico II di Napoli. Il progetto consiste in un canale che sarà contenitore di video che tratteranno diverse notizie ambientali. Chimica verde, bioeconomia e economia circolare, sono solo alcuni degli argomenti che verranno affrontati nella piattaforma. L’intenzione è quella di utilizzare un linguaggio semplice per spiegare temi ai non addetti ai lavori. Sul canale web si suggeriscono soluzioni e buone pratiche per attivare un circolo virtuoso fra istituzioni, aziende e consumatore finale. L’idea è di Vincenza Faraco, docente di chimica e biotecnologia delle fermentazioni alla Federico II, in collaborazione con il suo gruppo di ricerca. «È un po’ come se uscissi dal mio laboratorio per raggiungere le persone nel loro quotidiano attraverso i loro smartphone spiega la dottoressa Faraco. – Sono sempre stata convinta che se raggiungiamo un risultato nel campo della ricerca ma poi non lo divulghiamo quel risultato non avrà la possibilità di essere applicato. La salute del nostro pianeta interessa tutti noi».

La scelta di usare lo strumento video nasce dall’esigenza di creare un contenuto accattivante, che possa essere fruito anche in un momento di pausa durante l’arco della giornata. I filmati sono stati sinora girati nei laboratori del Centro di servizio di ateneo per le scienze e tecnologie per la vita (Cestev). Sul canale è già disponibile il primo video dal titolo “Un mare di rifiuti generato dalle plastiche”.

“Ciak si scienza” vuole essere un’iniziativa dinamica e interattiva che prevederà anche collegamenti da conferenze internazionali per raccontare gli avanzamenti più recenti nel settore green. Non mancheranno riprese in altri centri di ricerca, aziende e interviste a esperti del campo. «Ciò che mi auguro – conclude la professoressa Faraco – è che le persone si sensibilizzino rispetto all’importanza dei temi che tratteremo e che quindi siano più predisposte a un cambiamento. Solo così salvaguarderemo il pianeta».

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto