martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2

Il 9 giugno si è tenuto a Roma, nella Sala dell’Aranciera all’Orto Botanico, l’evento “3 anni di Mosaico Verde – Insieme alle aziende per riforestare l’Italia, albero dopo albero”. Un appuntamento nel corso del quale sono stati presentati i risultati raggiunti nel triennio 2018-2021 dalla Campagna Nazionale Mosaico Verde: 267mila alberi messi a dimora e 238 ettari già riqualificati in 60 aree gestite da Comuni ed Enti Parco di 15 regioni italiane, per i quali si stima nei prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2 (nel ciclo di vita medio degli alberi).

L’evento del 9 giugno è stato pensato come un momento di condivisione e confronto proprio tra le istituzioni e le aziende: all’apertura dei lavori hanno presenziato Alessandra Stefani, direttore generale dell’economia montana e delle foreste del Mipaaf e Rossella Muroni, vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera, proprio a sostegno del fatto che il progetto portato avanti da Mosaico Verde è un importante contributo alla riqualificazione del nostro territorio. Il convegno è stato quindi anche occasione per alcune delle aziende aderenti di portare la loro testimonianza, all’evento hanno preso parte i rappresentanti di Arca Fondi, Ascotrade, Barilla Group, eBay, E.ON Italia, Estra S.p.a., Coop Alleanza 3.0, CPL CONCORDIA, Ikea Italia Retail s.r.l, Mellin, Nespresso Italiana Spa, Sparkasse, Unicoop Tirreno.

La Campagna Mosaico Verde

Lavorare tutti per la protezione degli ecosistemi è un obiettivo non più rinviabile, come sostiene anche l’ONU che, a partire dal 2021, ha indetto il “Decennio per il ripristino dell’ecosistema”. L’operato portato avanti con la Campagna Mosaico Verde sin dall’inizio è stato di agire per la tutela e il recupero delle aree verdi in Italia contribuendo in tal modo al raggiungimento di alcuni degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (SDGs) promossi dalle Nazioni Unite. Tra le azioni più rilevanti che si possono compiere per ridare ossigeno ad un Pianeta in difficoltà vi sono infatti quelle volte a riqualificare e a gestire in maniera sostenibile il patrimonio forestale.

Proprio con tali finalità nel 2018 è stata lanciata Mosaico Verde, la Campagna nazionale promossa da AzzeroCO2 – che da anni supporta le aziende e gli enti pubblici nel migliorare le performance energetico-ambientali – e Legambiente, l’associazione ambientalista più diffusa in Italia, con lo scopo di riqualificare il territorio italiano e tutelare i boschi esistenti.

“Da oltre 13 anni AzzeroCO2 lavora in primo piano nel portare avanti interventi volti al ripristino e alla riqualificazione del nostro patrimonio forestale – ha dichiarato Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2 – Con Mosaico Verde insieme a Legambiente abbiamo voluto creare una piattaforma che consentisse di far incontrare aziende ed enti pubblici accomunati dalla stessa volontà di costruire un futuro più sostenibile compiendo azioni concrete. Dopo i primi tre anni, il bilancio del progetto è estremamente positivo, a dimostrazione che la sinergia tra pubblico e privato può dare i suoi frutti anche nella lotta al climate change e alla difesa del territorio. Il compito della nostra Campagna è infatti quello di restituire una parte del valore generato dalle attività produttive del Paese, laddove ce n’è più bisogno. Interventi che tassello dopo tassello, siamo certi, ci consentiranno di realizzare il nostro Mosaico Verde”.

I progetti realizzati sono stati resi possibili grazie alle aziende – 22 ad oggi le aderenti – che hanno scelto di integrare Mosaico Verde all’interno delle loro strategie di Responsabilità Sociale d’Impresa e di riduzione dell’impronta ambientale e ai Comuni e agli Enti parco – 86 quelli che hanno aderito e 40 in corso di adesione – che non avendo risorse sufficienti per incrementare le aree verdi o gestire in modo sostenibile quelle esistenti, hanno reso disponibili aree nei loro territori per realizzare i diversi progetti.

“I numeri e i risultati raggiunti dalla campagna Mosaico Verde, in questi primi tre anni di attività, parlano chiaro: ci dicono che stiamo andando nella direzione giusta e che l’asse tra associazioni, enti pubblici e privati funziona bene – ha commentato Antonio Nicoletti, responsabile Aree Protette e Biodiversità di Legambiente – Ovviamente questa collaborazione è retta dal pilastro fondamentale ovvero i cittadini tutti, i quali si impegnano in prima persona per dare un futuro più sostenibile alle nuove generazioni. Piantare alberi, tenendo sempre conto delle esigenze dei diversi territori e dei diversi tipi di suolo, è un’azione semplice e alla portata di tutti ma che gioca un grande ruolo nella lotta al cambiamento climatico. È quello che sino ad oggi abbiamo fatto in collaborazione con AzzeroCO2 con la campagna Mosaico Verde ed è quello che faremo con il nuovo progetto Life Terra, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma LIFE e di cui Legambiente è l’unico partner italiano. Life Terra coinvolge 15 organizzazioni in 8 diversi paesi europei ed ha l’ambizioso obiettivo di piantare 500 milioni di alberi in tutta Europa nei prossimi 5 anni, di cui più di 9 milioni in Italia. Purtroppo, le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria hanno rallentato la realizzazione di eventi e di piantumazioni ma ora siamo pronti a partire coinvolgendo tantissimi cittadini insieme a enti pubblici e privati e con il supporto della campagna Mosaico Verde. La missione è migliorare la qualità del capitale naturale del nostro Paese aumentando le foreste urbane e la qualità delle nostre città”.

Il sostegno, inoltre, di tante istituzioni, tra ministeri, associazioni, università e organizzazioni che promuovono la sostenibilità in Italia, ha fatto sì che la Campagna Mosaico Verde sia cresciuta e abbia acquisito una reputazione consolidata nel campo della riqualificazione e rigenerazione del territorio italiano.

“L’Italia possiede un grande patrimonio forestale che copre il 36% della superficie nazionale e richiede una gestione responsabile e sostenibile.” ha affermato Alessandra Stefani, Direzione generale dell’economia montana e delle foreste del Mipaaf. “L’estrema frammentazione di queste ingenti superfici richiede interventi di ricucitura per potenziarne la funzionalità. Mettere a dimora nuclei di alberi, in filari, gruppi, boschetti aiuta questo processo, purché le specie siano autoctone e provengano dalla medesima regione ecologica nella quale sono messe a dimora”.

Tutto ciò è fondamentale per dare risposte concrete ai problemi ambientali che affliggono i nostri territori perché foreste in salute sono grado di contribuire efficacemente alla mitigazione delle emissioni inquinanti e a generare quei servizi ecosistemici che sono essenziali per l’umanità, potenziando la resilienza e la salubrità dei territori e rispondendo concretamente ai sempre più frequenti eventi meteorologici estremi. A tal riguardo nel corso del convegno sono stati illustrati anche gli step principali attraverso i quali la campagna Mosaico Verde opera per garantire una corretta gestione delle aree forestali. Pulizia del bosco, recupero sentieristica, stabilizzazione del suolo, rinnovazione naturale, adozione di misure antincendio, cure colturali e manutenzione sono solo alcune delle azioni di cui il nostro patrimonio boschivo ha bisogno.

“Oltre ad essere un esempio di sinergia felice tra pubblico, privato e terzo settore, con i risultati raggiunti negli ultimi tre anni la campagna Mosaico Verde promossa da AzzeroCO2 e Legambiente dimostra in modo concreto quanto sia importante piantare alberi e tutelare le nostre foreste. – ha commentato la vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera Rossella Muroni – Grazie all’assorbimento di anidride carbonica e acque piovane, alla stabilizzazione del suolo e alla mitigazione delle isole di calore, infatti, gli alberi sono alleati strategici nella lotta al dissesto idrogeologico e ai cambiamenti climatici in atto. E sono un bene comune che rende più belle e vivibili anche le nostre città. Piantarli e proteggerli significa quindi accrescere il benessere collettivo”.

Con gli interventi di forestazione e di gestione responsabile dei boschi è possibile dare risposta concreta anche ad alcune delle azioni necessarie fissate dagli SDGs. Tali obiettivi, infatti si propongono di proteggere il Pianeta dal degrado, attraverso un consumo ed una produzione consapevoli, gestendo le risorse naturali in maniera sostenibile e adottando misure urgenti riguardo il cambiamento climatico, in modo che esso possa soddisfare i bisogni delle generazioni presenti e di quelle future. Nonostante i progressi fatti negli ultimi anni grazie a politiche e azioni concrete per la salvaguardia del nostro pianeta, la quantità di CO2 e di altri gas climalteranti fatica a diminuire. Per questo, soluzioni come la creazione di nuove foreste e la tutela di queste e di altri ecosistemi terrestri, possono dare un grande contributo alla mitigazione del cambiamento climatico e alla riduzione della CO2 nell’atmosfera.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto