martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

È il momento delle scelte per un’idea di futuro

green-economy

 

Si sta parlando di tutto in questa campagna elettorale tranne che delle questioni davvero importanti che dovranno essere affrontate nella prossima legislatura. Ci troviamo infatti in una fase delicata per l’economia e la società italiana, che meriterebbe una discussione all’altezza di sfide la cui risposta non passa per promesse impossibili, urla o slogan contro l’immigrazione. Oggi più che mai servirebbe un confronto sull’idea di futuro che vogliamo costruire e sul ruolo che il nostro Paese vorrà svolgere in un mondo in profondo cambiamento, dove le questioni ambientali saranno sempre più centrali. Legambiente ha deciso di prendere di petto queste sfide con un documento di idee, proposte e un confronto pubblico che organizzeremo a Roma il 15 febbraio sui temi e le priorità che sarà imprescindibile affrontare nella prossima legislatura.

A partire dal clima, perché abbiamo bisogno di una accelerazione fortissima degli interventi se vogliamo invertire la curva delle emissioni e stare dentro gli obiettivi fissati con l’Accordo di Parigi. Non possiamo accontentarci, anche perché avremmo tutto da guadagnarne da una decarbonizzazione dell’economia che riduce le importazioni di fonti fossili. E proprio le chiavi del clima e dell’economia circolare possono oggi permettere di guardare al territorio italiano e alle sue città in una prospettiva capace di risolvere problemi storici e di creare opportunità di riqualificazione e rilancio. Parleremo delle crescenti diseguaglianze nella società e tra i territori perché proprio l’innovazione ambientale è una chiave per affrontarle. Perché le risorse esistono nel grande bilancio dello Stato, per uscire da vincoli di bilancio e mentali nei confronti di scelte ambiziose e lungimiranti che si continuano a rinviare. Le proposte di Legambiente puntano a ridisegnare una fiscalità che oggi premia le rendite a danno del paesaggio e degli ecosistemi (cave, autostrade, estrazioni petrolifere, ecc.) e che domani invece potrebbe spingere l’innovazione e la qualità in agricoltura, in edilizia, nei territori.

Dobbiamo porre queste sfide in campagna elettorale e raccontarle ai cittadini. Perché chi potrebbe essere contrario a politiche che aiutano le famiglie nello scegliere il trasporto pubblico o i prodotti biologici da filiera certificata italiana? A parte i grandi gruppi energetici, chi potrebbe opporsi a una norma che permetta nei distretti produttivi o nei condomini di scambiare energia prodotta da rinnovabili? E si tratta di cambiare, ma è arrivato il momento di farlo in un Paese che ha larga parte del territorio a rischio idrogeologico, ed ha un paesaggio di grande bellezza, che però continua a rinviare la demolizione di edifici abusivi perfino sulla costa e che troppo lentamente interviene per rendere sicuri i territori da alluvioni e inondazioni o per la riqualificazione antisismica ed energetica delle scuole. Altro che accontentarci, la sfida è di proporre un’idea di futuro e delle scelte concrete di cambiamento che oggi passano per i nostri temi.

 

Edoardo Zanchinihttps://www.lanuovaecologia.it
Vicepresidente nazionale di Legambiente. twitter @ezanchini

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto