Auto in condivisione per i disabili: che cos’è ‘Moby’

Realizzato da Italdesign, è il primo progetto di mobilità condivisa per chi è costretto a usare la sedia a rotelle. Il suo funzionamento è basato sullo stesso principio del bike sharing

Un ragazzo in sedia a rotelle

Si chiama ‘Moby’. è stato realizzato da Italdesign ed è uno dei cinque finalisti del ‘Toyota Mobility Unlimited Challenge’, concorso organizzato dalla ‘Toyota Mobility Foundation’. La sua particolarità è che si tratta del primo progetto di condivisione per chi è costretto a usare la sedia a rotelle.

Il suo funzionamento è basato sullo stesso principio del sistema di bike-sharing: in pratica mette in collegamento una serie di dispositivi completamente elettrici, semiautonomi, di tipo ‘wheel-on’, a bordo dei quali si può salire direttamente con la propria sedia a rotelle, che permette agli utilizzatori di muoversi in città molto più facilmente e con minor sforzo fisico.

Gli utenti potranno prenotare ‘Moby’ attraverso una app, raggiungere l’hub di raccolta più vicino, salire a bordo e utilizzarlo all’interno della città per poi riconsegnarlo in uno degli hub di raccolta, lasciandolo a disposizione di un altro utilizzatore. Il progetto di Italdesign ha un sistema integrato di sensori che aiutano ad evitare collisioni con ostacoli fissi o mobili, inoltre il suo design consente di superare facilmente le barriere architettoniche. Inoltre, l’app consente agli utilizzatori di interagire con il dispositivo stesso, con altri utilizzatori, altri mezzi di trasporto e applicazioni dedicate.

Essendosi classificato tra i cinque finalisti del concorso ‘Toyota Mobility Unlimited Challenge’, il progetto si è aggiudicato un premio di 500.000 dollari per lo sviluppo delle prossime fasi. Mobility Unlimited Challenge, in associazione con il Nesta Challenge Prize Centre, supporta miglioramenti radicali per la mobilità e l’indipendenza di persone con paralisi degli arti inferiori attraverso tecnologie assistive intelligenti, ha raccolto ottanta progetti da ventotto Paesi di tutto il mondo.