sabato 5 Dicembre 2020

Fase due green: a Torino 27 controviali a uso biciclette

Bicicletta A Lavoro

Da corso Francia a corso Vittorio, da corso Regina Margherita a corso Galileo Ferraris, e poi corso Unione Sovietica, Peschiera, Einaudi, Tassoni, Svizzera, Lecce, Novara, Tortona, Vigevano, Racconigi, Ferrucci, Potenza, Siracusa e ancora oltre.  A Torino, il Comune ha stabilito nella scorsa settimana che su 27 controviali la velocità passerà da 50 a 20 chilometri orari, da percorrere in bicicletta o in monopattino elettrico.

In totale sono più di 80 chilometri d’asfalto liscio e senza buche, in cui il traffico veicolare delle automobili dovrà mettersi in coda dietro alle biciclette, e altri mezzi di trasporto sostenibili, che avranno la precedenza. La più grande rivoluzione nella mobilità urbana del capoluogo piemontese, quantomeno negli ultimi 20 anni.

La proposta, diventata ordinanza, è nata dall’idea dall’assessora ai Trasporti Lapietra, subito sposata dalla Sindaca Chiara Appendino, per incentivare una Fase 2 green a Torino. Con l’allentamento del lockdown e il ritorno del traffico, si è reso necessario trovare strategie per evitare assembramenti sui trasporti pubblici, per muoversi in sicurezza e riducendo foto di Torino e la Mole Antonelianal’inquinamento.

I cittadini hanno risposto positivamente all’appello lanciato dalle istituzioni locali in merito all’uso della cosiddetta “mobilità dolce”. Tanti hanno deciso di lasciare l’auto in garage e rispolverare vecchie biciclette o hanno preferito investire su un mezzo sostenibile piuttosto che prendere i mezzi pubblici per spostarsi.

Un buon metodo per il distanziamento sociale, e un’ottima strategia per rendere più duraturo il blocco del traffico e la diminuzione dell’inquinamento avuta durante l’ultimo periodo di lockdown.

Legambiente accoglie con favore e condivide la via intrapresa, nell’ottica di favorire una nuova mobilità meno impattante dal punto di vista ambientale e da quello della congestione stradale da traffico attraverso una redistribuzione più equa degli spazi comuni e di una maggiore sicurezza per tutti gli utenti delle strade cittadine, indipendentemente dal mezzo scelto per i loro spostamenti.

“La velocità media di un’auto a Torino non è superiore ai 20 km/h, pur utilizzando i corsi centrali – dichiara Giorgio Prino, Presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta – Su questa media i tratti percorsi ai 50 km/h incidono poco, rispetto a quelli percorsi a velocità decisamente inferiori, quando non fermi a semafori o per code. Insomma, i tempi di percorrenza automobilistici non subiranno significativi cambiamenti. In compenso i cittadini che vorranno utilizzare mezzi alternativi e meno impattanti, il cui numero è in costante e forte crescita, potranno farlo in maggiore sicurezza”.

La scelta di andare verso un modello di mobilità meno auto-centrico e più aperto a soluzioni alternative è senza dubbio condivisa da tutti i circoli torinesi (Legambiente Molecola, Legambiente Metropolitano, Circolo l’Aquilone e Legambiente GreenTo) che chiedono che l’azione intrapresa dal Comune di Torino non si fermi ad un provvedimento isolato: il pacchetto mobilità presentato dalla Sindaca Appendino e dall’Assessora La Pietra deve essere messo in atto interamente e in tempi rapidi, mantenendo altissima l’attenzione sul tema del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,206FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

PREMIAZIONE AMBIENTALISTA DELL’ANNO 2020

Cerimonia conclusiva del Premio intitolato a Luisa Minazzi

Giornata Mondiale del suolo, CIC: la sua tutela sia al centro dell’agenda politica

È l'appello del Consorzio Italiano Compostatori che promuove la piattaforma S.O.S. Soil - SAVE ORGANICS IN SOIL, «conserva la sostanza organica del suolo»