lunedì 24 Gennaio 2022

Acquista

Login

Registrati

In Minnesota Jane Fonda guida la marcia ambientalista contro il nuovo oledotto di Enbridge

Si conclude l’8 giugno la protesta di attivisti ed esponenti delle comunità indigine contro la nuova Linea 3 che trasporterà petrolio da Alberta, in Canada, fino al Winsconsin, negli Usa. In prima linea anche l’attrice Jane Fonda

Gruppi di ambientalisti ed esponenti delle comunità indigene si sono dati appuntamento dal 5 all’8 giugno nel nord del Minnesota, negli Stati Uniti, per protestare contro le fasi conclusive dei lavori attraverso cui la società canadese Enbridge sta completando la sostituzione dell’oleodotto Linea 3. Gli organizzatori hanno chiamato questa quattro giorni di proteste “Treaty People Gathering”, annunciandola come la più imponente azione di disobbedienza civile contro i progetti di espansione della Enbridge Energy, company che specializzata nel trasporto di energia.

La Linea 3 di proprietà di Enbridge trasporta petrolio greggio da Alberta fino a Superior, nel Winsconsin, dove si trova l’Enbridge Terminal. Lungo il suo tracciato passa per il North Dakota e attraversa la parte settentrionale del Minnesota. I lavori in corso in Minnesota sono arrivati a circa il 60%

Tra gli attivisti anche l’attrice Jane Fonda

Gli attivisti marceranno verso le sorgenti del fiume Mississippi, raggiungendo lo snodo in cui il nuovo corso del gasdotto Linea 3 attraversa il letto del corso d’acqua. Alla marcia partecipano anche personaggi famosi come le attrici Jane Fonda, Catherine Keener, Rosanna Arquette e Taylor Schilling, e l’ambientalista e scrittore Bill McKibben.

Il tracciato della nuova Linea 3 di Enbridge Energy

La Linea 3 di proprietà di Enbridge trasporta petrolio greggio da Alberta fino a Superior, nel Winsconsin, dove si trova l’Enbridge Terminal. Lungo il suo tracciato passa per il North Dakota e attraversa la parte settentrionale del Minnesota. I lavori di ammodernamento dell’oleodotto in territorio canadese sono già stati ultimi. Mentre quelli in corso in Minnesota sono arrivati a circa il 60%.

Secondo gli attivisti che si oppongono al progetto, il nuovo oleodotto che trasporterà petrolio dai giacimenti di sabbie bituminose e greggio in Canada fino al Winsconsin, avrà degli impatti negativi sull’ambiente nettamente superiori rispetto all’infrastruttura precedente. Eventuali perdite di greggio potrebbero colpire aree particolarmente sensibili dove i nativi americani coltivano il riso selvatico, cacciano e pescano. Uno stile di vita rispettoso delle tradizioni e degli equilibri ecosistemici locali che verrebbe letteralmente travolto dalla nuova Linea 3 di Enbridge.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,812FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Ridimensiona font
Contrasto