martedì 26 Gennaio 2021

Ministri da incubo

indigeni in Brasile

Bolsonaro viene spesso definito “nazionalista” e “identitario”, ma si tratta di etichette insensate. Così viene percepito anche in Italia, sia a sinistra che a destra. “Il vento identitario soffia anche oltre i confini d’Europa!” ha scritto Lorenzo Fontana, ministro leghista per la Famiglia, al momento della sua elezione, aggiungendo: “Complimenti e buon lavoro al nuovo Presidente del Brasile Jair Bolsonaro”. Un’interpretazione analoga è emersa dal convegno “L’internazionale nera tra Europa, Stati Uniti e America Latina”, di segno politico opposto, che si è svolto a Roma lo scorso 13 giugno. In un Paese così marcatamente multietnico come il Brasile, quale sarebbe il “vento identitario” lodato dal ministro Fontana ed esecrato nel convegno romano? Se identitario è infatti colui che difende strenuamente la propria identità culturale, non si vede come questo aggettivo possa attagliarsi a un uomo che vuole sventrare una parte vitale del proprio Paese, e cioè la foresta amazzonica, a vantaggio dei latifondisti e delle multinazionali straniere, nemici giurati dell’ambiente, dei popoli indigeni e della diversità culturale. Per averne la riprova basta dare un’occhiata al governo attuale. Il ministro dell’Agricoltura, Tereza Cristina, ha fatto parte di un comitato governativo che nel 2018 ha approvato un utilizzo più flessibile dei pesticidi. Paulo Guedes, ministro dell’Economia, liberista, allievo di Milton Friedman, è il fondatore della banca d’investimenti Btg Pactual. Il titolare degli Esteri, Ernesto Araújo, è convinto che il cambiamento climatico non sia un dato oggettivo ma l’espressione di “un complotto marxista”. Questa tesi bizzarra è condivisa da Olavo de Carvalho, testa pensante dell’esecutivo Bolsonaro, secondo il quale l’Inquisizione è stata “un passo gigantesco nella lotta per i diritti umani”. Le torture? “Tutte inventate”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia