lunedì 25 Gennaio 2021

Milano:al via concorso per progettare futuro ex scalo ferroviario Farini

Scalo Farini - Milano

Prende il via oggi il “Concorso Farini” cioè la selezione internazionale per la realizzazione del masterplan di trasformazione e rigenerazione urbana di due ex scali ferroviari di Milano, quello Farini, che è il più vasto dei sette, e quello di San Cristoforo. Il bando, presentato alla Triennale, scadrà il 23 novembre ed è stato promosso da FS Sistemi Urbani e Coima Sgr. Il progetto vincitore verrà decretato ad aprile, da una giuria di esperti i cui nomi si conosceranno solo alla fine della prima parte del concorso, quando verranno selezionati i cinque gruppi di progettazione ritenuti più interessanti. I team dovranno disegnare l’assetto futuro dei due scali, con il grande parco di Farini, di oltre 300 mila metri quadrati, con la nuova sede dell’Accademia di Brera (Brera 2), che inizierà a trasferirsi sull’area a brevissimo, con gli appartamenti in affitto per under 35. Mentre a San Cristoforo dovranno definire l’assetto dell’oasi naturalistica che occuperà la superficie dello scalo. Il tutto tenendo conto dei collegamenti che ci saranno tra le sette aree da rigenerare, come la circle line e un grande parco lineare. “L’accordo di programma prevede che ci sarà anche un passaggio di dibattito pubblico relativo al masterplan vincitore – ha spiegato il presidente di FS Sistemi Urbani, Carlo De Vito -. Si tratta del più grande progetto di sviluppo urbano e rigenerazione in Italia e di uno dei maggiori in Europa”. L’obiettivo è quello di avviare i lavori “entro il 2021 – ha ricordato l’assessore all’Urbanistica del Comune di Milano , Pierfrancesco Maran – Al centro dello scalo più grande, quello Farini, ci sarà una funzione pubblica che gli darà anima, cioè la nuova sede della Accademia di Brera”, con il Campus delle Belle Arti. Un concorso analogo a questo ci sarà anche per gli altri scali, ad esempio in quello di porta Romana, dove il Comune pensa di realizzare il villaggio olimpico dei giochi invernali del 2026.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia