giovedì 16 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

‘Mia e il leone bianco’, un’amicizia contro il bracconaggio e i safari

Un'immagine della protagonista del film "Mia e il Leone Bianco"

“E così scoprii la differenza tra amare e possedere”, con queste parole la bambina protagonista del film La volpe e la bambina, ormai adulta, descrive a sua figlia il magico legame vissuto con il quadrupede rosso. Si svela così il segreto del successo di un topos della filmografia mondiale, il filone che si sviluppa intorno al rapporto di amicizia fra bambini e animali selvaggi: il nostro bisogno profondo di riequilibrare la posizione dell’umano nella natura.

Non allontanandosi da questo schema, Mia e il leone bianco, per la regia di Gilles de Maistre, riesce a conquistare una sua originalità e varietà di contenuti. Mia e il fratello Mick vivono con disagio nella fattoria dei genitori dove allevano animali selvaggi per la riproduzione o per venderli agli zoo. Tutto cambia quando l’adolescente stringe amicizia con Charlie, un leoncino bianco nato nella tenuta. I due diventano inseparabili. Le riprese, durate 3 anni, testimoniano la crescita dei bambini e del leone mostrando le loro trasformazioni fisiche e il consolidamento di un legame vero, non frutto della finzione. Ormai quattordicenne, Mia dovrà mettere a rischio la propria vita nel tentativo di salvare il suo “amico”.

Gli splendidi scenari sudafricani dove è stato girato il film sono infatti anche i luoghi dove la caccia di frodo, i safari in ambienti perimetrati (i cosiddetti canned hunts) o la commercializzazione delle carcasse dei felini richiestissime dai mercati del Sudest asiatico mettono a rischio l’esistenza di questi magnifici felini.

A questo link è possibile vedere il trailer del film tinyurl.com/y7y2t6kq

Marino Midena
Studioso di tematiche giuridiche agraristiche-ambientali. come giornalista collabora con diverse testate. lavora in uffici stampa e ha condotto trasmissioni radio e tv. Ha insegnato “Diritto e legislazione dello spettacolo” presso il Conservatorio di Musica “V. Bellini” di Palermo ed è il direttore artistico del Green Movie Film Fest.

Articoli correlati

Alle isole Far Øer uccisi in un solo giorno quasi 1.500 delfini

La mattanza risale al 12 settembre in occasione della "Grindadráp", la tradizionale caccia ai cetacei. La denuncia dell'organizzazione Sea Shepherd: "La caccia ai delfini deve cessare completamente"

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Maxiprocesso Eternitbis, appuntamento il 19 settembre al Parco Eternot

A porte chiuse il processo con le voci dei testimoni a Novara. La comunità monferrina si ritrova e partecipa alla lotta per la giustizia

Giretto d’Italia 2021, al via l’undicesima edizione della gara per la mobilità sostenibile

Casa-lavoro in bici o mezzi di micromobilità elettrica: sfida al maggior numero di spostamenti sostenibili. Al vincitore un weekend per due

Urban experience, nuovi paradigmi fra naturale e digitale

di Carlo Infante - Dal 14 al 20 settembre, a Roma, si svolge “Performing Media!” con walkabout, performance, installazioni e videoproiezioni nomadi
Ridimensiona font
Contrasto