giovedì 23 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Nero Messico

Dal mensile – Con cinque ecoattivisti uccisi nei primi tre mesi del 2021 il Paese latinoamericano si conferma uno dei più pericolosi per chi difende natura e comunità locali. Ancora di più se indigeno

di NICOLA NICOLETTI

Jaime Jiménez Ruiz si opponeva alla costruzione di progetti idroelettrici a Río Verde, nello Stato di Oaxaca. È stato assassinato il 31 marzo a Santiago Jamiltepec, regione indigena ricca di miniere d’oro e d’argento e di biodiversità. Con il suo omicidio sono già cinque gli attivisti uccisi in Messico nel 2021. A conferma che quello latinoamericano è uno dei Paesi più pericolosi per chi difende l’ambiente. Secondo l’ong Global Witness, più della metà degli ambientalisti uccisi appartiene a popolazioni indigene.

Negli ultimi sette anni sono inoltre scomparse 85 persone. Già, perché c’è chi viene ucciso – come Fidel Heras Cruz nella comunità La Esperanza o Raymundo Robles Riaño, il cui omicidio è stato denunciato dall’organizzazione Servicios para la educación alternativa (Educa) – e chi scompare. Miguel Vasquez è sparito nei mesi scorsi nello Stato di Veracruz, a Tlapacoyan, un paradiso di foreste, biodiversità e tradizioni indigene da preservare. «Difendere il suolo e le risorse ambientali è difficile in un Paese depredato delle sue risorse naturali se mancano le finanze per farlo – denuncia la giornalista ambientale Thelma Gómez Durán – In Messico, già prima della pandemia, il budget destinato al settore ambientale è stato ridotto e il ministero dell’Ambiente è quello che ha subito i maggiori tagli». La riduzione del budget ha causato un vero e proprio smantellamento delle istituzioni ambientali. «Le agenzie non riescono a svolgere le loro funzioni, compresa la sorveglianza per combattere i crimini ambientali», conferma Leticia Merino, coordinatrice del Seminario universitario su società, ambiente e istituzioni,

Chi nonostante tutto difende l’ambiente, troppo spesso ci rimette la vita. Dagli altopiani del nord, dove i narcos fanno sparire chi intralcia i loro affari, alle umide foreste del Chiapas, sul confine sud. E dire che tre anni fa, all’insediamento del presidente della Repubblica Andrés Manuel Lopez Obrador, la difesa dell’ambiente era stata messa in agenda.

José Luis Álvarez Flores è morto a Tabasco nel giugno 2019. Si dedicava alla difesa delle scimmie saraguato, gli “urlatori della giungla”. Lo stesso anno, nello Stato di Morelos, Paul Vizcarra è stato ammazzato perché osava difendere i diritti delle famiglie dei pepenadores, i riciclatori di rifiuti nelle discariche di Cuernavaca, donne e uomini capaci di differenziare e vendere oggetti ancora utili. Nel 2014 Vizcarra aveva ricevuto il Premio nazionale per meriti ecologici proprio per la gestione integrale dei rifiuti. Sempre nello Stato di Morelos è stato ucciso Samir Flores, che si opponeva al progetto della centrale termoelettrica di Huexca, ora in costruzione.

«Siamo preoccupati per la distruzione della giungla e dell’impatto che il treno avrà sull’ambiente. Rischiamo di perdere l’essenza di queste comunità, ciò che rende unica e magica la nostra terra», avverte Bello Rendón, segretario particolare dell’Istituto per lo sviluppo dei popoli Maya e delle comunità indigene. Si riferisce al progetto “Treno Maya” per collegare le principali aree turistiche del sud del Messico, fortemente voluto dal presidente Lopez Obrador. Indigeni e organizzazioni ambientaliste hanno intrapreso una battaglia legale per fermarlo. La violenza non placa la voglia di difendere l’ambiente, soprattutto fra i giovani.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto