martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Mediterraneo, le dieci regole d’oro per avere spiagge più pulite

una foto della spiaggia di Chia

Parte BEach CLEAN, campagna di sensibilizzazione per affrontare l’emergenza dei rifiuti marini nelle spiagge del Mediterraneo. L’iniziativa, al suo primo anno di attività, nasce dalla necessità di tutelare il patrimonio ambientale delle spiagge e promuove un dialogo costruttivo con gli stabilimenti balneari e con i turisti, partendo dalla condivisione di dieci buone pratiche da seguire per una corretta gestione dei rifiuti e per sensibilizzare sulle conseguenze dell’abbandono e di una cattiva raccolta differenziata.

Le dieci regole d’oro proposte nel decalogo, in formato poster, verranno affisse nei principali stabilimenti turistici e balneari italiani, libanesi e tunisini. Luoghi che, generalmente, subiscono un afflusso turistico molto alto durante la stagione estiva e le cui coste vedono aumentare la percentuale di rifiuti spiaggiati giorno dopo giorno. Durante la stagione estiva, infatti, il turismo balneare aumenta il fenomeno del marine litter di oltre il 40%, tanto che la cattiva gestione dei rifiuti urbani si conferma la causa principale – per circa l’85% – della presenza dei rifiuti sulle spiagge italiane, assieme alla carenza dei sistemi depurativi e alla cattiva abitudine di buttare i rifiuti urbani nel wc (8%). Per arginare l’emergenza rifiuti sulle spiagge e, di conseguenza, nei nostri mari, diventa quindi indispensabile partire dalle singole azioni quotidiane. Un turista informato sulle buone pratiche da adottare, insieme a una rete di strutture turistiche consapevoli sulla corretta gestione dei rifiuti, possono fare la differenza.

Le regole d’oro in spiaggia

La campagna è stata presentata il 30 giugno in Italia da Legambiente nell’ambito di Goletta Verde, storica campagna di monitoraggio rifiuti marini, e si inserisce nell’ambito del progetto COMMON (COastal Management and MOnitoring Network for tackling marine litter in Mediterranean Sea) progetto europeo ENI CBC Med nato da una rete di collaborazione fra Italia, Libano e Tunisia per la riduzione del marine litter nell’area mediterranea.

In particolare, la campagna BEach CLEAN, che durerà fino al 30 settembre, sarà avviata in 5 diverse aree del Mediterraneo: Maremma e Salento in Italia, l’Isola Kuriat e Monastir in Tunisia, e la Riserva Naturale Costiera di Tiro in Libano, con l’obiettivo di favorire stabilimenti balneari sostenibili e inclusivi, luoghi che sappiano valorizzare il rispetto dell’ambiente e garantire a turisti e visitatori la possibilità di vivere la spiaggia in modo responsabile.

Se siete in vacanza e volete raccontare il vostro rapporto con il mare, potete farlo qui: https://bit.ly/BEachCleanTourists 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto