Mascherine usa e getta nelle scuole, ogni giorno 44 tonnellate di rifiuti

Il Comitato tecnico scientifico punta sulla fornitura quotidiana gratuita agli studenti di 11 milioni di dispositivi di protezione facciale. Contraria la commissione Ecomafie che lancia l’allarme sul rischio collasso degli impianti di smaltimento. Per Legambiente una “decisione senza senso” / “Una lezione per tutti”, il video della presentazione del nuovo numero di Nuova Ecologia

 

mascherine usa e getta scuole

Mascherine chirurgiche usa e getta per i milioni di studenti che si apprestano a tornare a scuola nelle prossime settimane. Lo ha stabilito il 2 settembre il Comitato tecnico scientifico guidato da Domenico Arcuri. Una decisione che ha spiazzato chi da mesi chiede, invece, l’utilizzo di mascherine riutilizzabili per mitigare il più possibile l’impatto ambientale dell’uso di questi dispositivi fondamentali per scongiurare nelle aule la diffusione a tappeto del contagio da Covid-19.

Con la scelta della soluzione monouso è prevista la dotazione gratuita di 11 milioni di mascherine chirurgiche al giorno per gli studenti il che, come sottolineato dalla commissione Ecomafie, significherà produrre quotidianamente 44 tonnellate di rifiuti da smaltire attraverso l’incenerimento. Secondo Stefano Vignaroli, presidente della Commissione, con le mascherine di comunità si eviterebbe invece “una enorme mole di usa e getta che va ad appesantire il nostro sistema impiantistico per il trattamento dei rifiuti e non è certo educativo per i ragazzi, ai quali invece la scuola dovrebbe dare il buon esempio anche sul fronte della difesa dell’ambiente”.

In attesa di capire se ci sarà un passo indietro da parte del Comitato tecnico scientifico, considerato anche il sostegno alle mascherine riutilizzabili espresso da tempo dal ministero dell’Ambiente e la certificazione di questa soluzione da parte del ministero della Salute, sono tante le voci contrarie che si stanno levando contro la direzione intrapresa dal ministero dell’Istruzione. “Auspichiamo che venga predisposta una fornitura adeguata di mascherine riutilizzabili certificate, equivalenti a quelle chirurgiche monouso, per gli studenti – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – sollecitandoli e invogliandoli a utilizzare le lavabili per ridurre il quantitativo di usa e getta che circola nel Paese, e garantendo comunque la tutela della salute. Per far questo sarà fondamentale porre grande attenzione anche all’insegnamento e alla diffusione di modalità di comportamento corrette, a partire dalle modalità di utilizzo e lavaggio delle mascherine, seguendo le indicazioni dell’ente certificatore e del produttore. Inoltre, chiediamo di privilegiare le produzioni nazionali e di qualità per dare un giusto riconoscimento alle aziende italiane che hanno riconvertito alcune loro linee produttive. La riapertura delle scuole è il più grande cantiere civico che il nostro paese si trova ad affrontare e la prevenzione la faranno gli strumenti ma anche la consapevolezza dei giusti comportamenti da assumere per garantire la prevenzione dal virus”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE