mercoledì 20 Gennaio 2021

Marmolada, Rifugio Pian dei Fiacconi distrutto da valanga

Tra quelle pareti c’erano vent’anni di vita, di sogni e progetti di Guido Trevisan, proprietario dello storico rifugio Pian dei Fiacconi, ai piedi del ghiacciaio della Marmolada. Nei giorni scorsi una enorme valanga si è staccata da Punta Penia, a 3.343 m, ha distrutto completamente metà della struttura e l’altra metà è da demolire. Nessuna persona è stata coinvolta. Il rifugio, a 2.626 metri di quota, era stato costruito nel 1946, assieme alla realizzazione di uno dei primi impianti risalita per lo sci invernale sulle Alpi, che dal Passo Fedaia portava a Pian dei Fiacconi. Anche l’arrivo della cabinovia, dismessa da un anno, è stato spazzato via dalla valanga. Il rifugio Ghiacciaio, poco più in alto, sembra invece essere stato risparmiato.
Guido e i suoi tre soci avevano deciso di puntare tutto su questo luogo. Erano certi che un rifugio ai piedi della Marmolada, la Regina delle Dolomiti, non avesse bisogno di un impianto di risalita per attrarre turisti, sia d’estate sia d’inverno. «Qui è nata l’industria dello sci da discesa e da qui può partire un nuovo modo di vivere la montagna, più lento e sostenibile», affermava Guido. I numeri della scorsa stagione gli avevano dato ragione: l’affluenza degli escursionisti saliti a piedi, alla ricerca della tranquillità e del silenzio, era stata tale da garantire la sostenibilità economica dell’attività.

Il rifugio ad agosto 2020 durante la tappa della Carovana dei ghiacciai di Legambiente

«La violenza di fenomeni come questi deve interrogarci sull’acuirsi degli eventi estremi, tra questi anche le nevicate. Sono segnali di un cambiamento climatico che dovrebbero indurci ad accelerare i processi di mitigazione e, al contempo, a mettere in atto nuove strategie di adattamento, così come stanno sperimentando a Pian dei Fiacconi, – dichiara Vanda Bonardo, responsabile di Legambiente Alpi e presidente di Cipra Italia. – Esprimiamo vicinanza ai gestori del rifugio e, oggi più che mai, sottolineiamo la nostra contrarietà alla costruzione di nuovi impianti di risalita. Chiediamo invece alla politica di sostenere chi, come Trevisan, ha dimostrato il coraggio di scelte innovative per il turismo e il futuro della montagna».
A breve partirà una raccolta fondi dal basso per la ricostruzione.
Il rifugio Pian dei Fiacconi, tra l’altro, ha ospitato, in agosto 2020, una delle tappe della Carovana dei Ghiacciai, la nuova campagna di Legambiente, realizzata con il supporto del Comitato Glaciologico Italiano per monitorare lo stato di salute dei più importanti ghiacciai alpini e per sensibilizzare le persone sugli effetti dei cambiamenti e sull’urgenza di agire per contrastarli.
Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche all’Università di Trieste. con una tesi sull’Islam nell’isola di Mauritius. Scrive di immigrazione e ambiente dal 2006. collaborando con Vita non profit. La Nuova Ecologia. Repubblica.it. Nel 2010 ha curato "G2 e giovani stranieri in Italia. Politiche di inclusione e racconti". edito da Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Vita non profit. Come fotografa. nel 2009 ha partecipato alla mostra intitolata “They won’t budge” (“Non si muoveranno”. da una canzone del cantante maliano albino Salif Keita). sugli immigrati africani in Europa. presso la New York University.

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento