Maratea vale l’Unesco

Meta turistica, set cinematografico ma non solo. Ora punta al riconoscimento come
“patrimonio dell’umanità”. Con un paesaggio e una storia unici, avvolti da storie e leggende

Maratea vale l'Unesco

di Annamaria Serinelli

Qui ogni cosa ha un colore supremo, non si può immaginare che ci sia altro dopo”. Qui è Maratea, con il suo imponente scenario naturalistico, che viene così rappresentato da Bianca Garufi in Fuoco grande, romanzo incompiuto, scritto a quattro mani con Cesare Pavese. Quei colori sono rimasti intatti, nel vigore e nella mutevolezza con cui animano la costa, i boschi, le case del centro e le grotte in cui si inabissa improvvisamente il mar Tirreno. E proprio l’eccezionalità di questo paesaggio è alla base della candidatura di Maratea affinchè l’Unesco la inserisca nel “patrimonio mondiale dell’umanità”.
Il percorso di candidatura prende il via nel 2013 da un’idea di Francesco Sisinni, già direttore generale al ministero dei Beni culturali e sindaco di Maratea negli anni ‘90. Nel 2015 la proposta di candidatura approda al Consiglio comunale, che la approva all’unanimità. «Maratea si candida a patrimonio mondiale dell’Unesco per la bellezza e l’unicità del paesaggio nella sua totalità, per come è stato conservato e per la storia che si lega ad esso», spiega a Nuova Ecologia il sindaco, Domenico Cipolla. Una candidatura condivisa con altri territori lucani: le Rabatane, antichi rioni di origine araba presenti a Tricarico, Pietrapertosa e Tursi, e i calanchi di Montalbano Jonico.
Alla redazione dei relativi dossier di candidatura la Regione Basilicata ha destinato uno stanziamento di 50.000 euro, previsto dalla “legge di variazione al bilancio di previsione pluriennale 2017/2019”. Saranno utilizzati per il lavoro già avviato presso il Centro operativo misto delle soprintendenze alle Antichità, Belle arti e Paesaggio, in largo Cappuccini, dove è attiva la sede del gruppo di lavoro “Maratea patrimonio mondiale dell’Unesco”.
“Sempre più libera, sempre più bella” è il motto che si può leggere sulla fontana della Sirena, a piazza Vitolo: antico simbolo della città, che nell’opera dello scultore Alessandro Romano sorregge il nuovo stemma di Maratea. La difesa della libertà è parte della memoria storica del centro lucano: acquistato nel 1530 dal conte Ettore Carafa di Policastro, viene riscattato dai suoi cittadini versando al re il doppio della somma offerta dal nobiluomo. Oltre ai monumenti, la storia di Maratea va ricercata a partire dal suo paesaggio, che per questo si può definire “culturale”. Come quella raccontata dalle rocce a picco sul mare, con affioramenti di carattere dolomitico e ritrovamenti di presenze risalenti al paleolitico. O quella, fra leggenda e verità, dell’antica città di Blanda, da cui nell’VIII secolo d.C. sarebbero giunte altre popolazioni per insediarsi nella vicina Maratea.
Oltre alla candidatura Unesco, nuove possibilità arrivano dall’accordo siglato tra Regione Basilicata e Comuni di Matera e Maratea per la realizzazione dell’eliporto. I lavori sono in fase progettuale e dovrebbero terminare entro il 2019. «L’accordo nasce dall’idea di collegare le due città in occasione di Matera “Capitale europea della cultura 2019”, nell’ambizione di un turismo non di massa», spiega il primo cittadino di Maratea. Un’ulteriore conferma dell’aspirazione della città ad avere un riconoscimento più ampio del proprio valore culturale in ambito turistico e internazionale. Conservando, tuttavia, intatto il suo unicum di territorio dalla vegetazione lussureggiante, con le frazioni disseminate lungo la costa e i centri arroccati dove la storia si perde e si ritrova, nei vicoli strettissimi come in mare aperto.n