lunedì 30 Novembre 2020

Maggio 2020, caldo record e massima concentrazione di CO2

Non solo Coronavirus. La World meteorogical Organization (Organizzazione meteorologica mondiale) ha dichiarato che il mese scorso è stato il maggio più caldo mai registrato, con un incremento di 0.63°C rispetto alla media 1981-2010 e temperature anomale anche in Siberia

Nello stesso mese, indicano le misurazioni dell’Osservatorio Hawaiiano di Mauna Loa, anche i livelli di anidride carbonica (CO2) in atmosfera hanno raggiunto un nuovo massimo nonostante il rallentamento economico da Covid-19. Secondo la National oceanic and atmospheric administration Usa (Noaa) e la Scripps Institution of Oceanography dell’università della California – San Diego, la stazione di osservazione a maggio ha misurato un picco stagionale delle concentrazioni di CO2 di 417,1 parti per milione (ppm), la più alta mai registrata. Il lockdown, come prevedibile, non è stato sufficiente a far scendere la concentrazione di gas inquinanti in atmosfera, che hanno effetti persistenti e duraturi. La crisi sanitaria ha rallentato le emissioni, ma non abbastanza per far evidenziare cambi sensibili in a Mauna Loa.

Venerdì scorso, in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, l’appello della Wmo affinché gli Stati rinnovino i loro sforzi per affrontare le minacce climatiche. Gli ha fatto eco l’appello del Segretario Generale dell’ONU António Guterres, che ha affermato che la Natura ci sta “inviando un messaggio chiaro: stiamo danneggiando il mondo naturale – a nostro danno. Il degrado degli habitat e la perdita di biodiversità stanno accelerando, le perturbazioni climatiche stanno peggiorando. Incendi, inondazioni, siccità e super tempeste sono più frequenti e dannosi, gli oceani si stanno riscaldando e acidificando, distruggendo gli ecosistemi corallini. E ora, il nuovo coronavirus sta imperversando, minando la salute e i mezzi di sussistenza. Per prenderci cura dell’umanità, dobbiamo prenderci cura della natura”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,162FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

ECOFORUM VENETO 2020

Quinta Edizione di EcoForum Veneto in diretta streaming dalle 9.30 alle 12.30 IL PROGRAMMA

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia