giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Mafie e media, una questione di genere?

La storia di Lea Garofalo e la figura di Maria Adriana Prolo nel quarto episodio di Sic Magazine in onda dal 3 maggio. L’avvocata Enza Rando e l’attore Salvatore Esposito tra gli ospiti della puntata

Sic Magazine, il progetto promosso da Cinemovel e Libera, entra nella seconda fase della sua programmazione con la messa in onda sulla piattaforma di Mymovies di una sua nuova puntata, disponibile a partire da oggi lunedì 3 maggio, e incentrata sulle “Questioni di genere”. La puntata si apre in compagnia di Claudio Caprara, giornalista de Il Post, che offre alle spettatrici e agli spettatori una rassegna stampa nata dalla selezione di contenuti postati dalle studentesse e dagli studenti sul portale Schermi in classe, una serie di articoli volti a indagare le modalità con cui “la criminalità entri nell’immaginario delle persone e della vita di tutti i giorni”. Lo fa attraverso le immagini che vedono il calciatore Diego Armando Maradona in compagnia di esponenti del clan Giuliano di Napoli, facendo riferimenti alla relazione tra musica neomelodica, trap e immaginario criminale, alle baby-gang in Spagna, mostrando le immagini di Dogman di Matteo Garrone (2018), una storica foto di Letizia Battaglia e un video che racconta una villa appartenente a membri del clan Casamonica.

La relazione tra donne e ‘ndrangheta

La puntata prosegue nello spazio “Sic on air” che questa volta si concentra sulla relazione tra donne e ‘ndrangheta. Al centro dell’intervista con Enza Rando, avvocata e vicepresidente di Libera, vi è quindi la storia di Lea Garofalo – la testimone di giustizia uccisa nel 2009 – e di sua figlia Denise. Le ragazze e i ragazzi della redazione di Sic Magazine si sono avvicinati a questa drammatica vicenda partendo dal film-tv Lea, regia di Marco Tullio Giordana (2015), un’opera che per Enza Rando “rispecchia bene l’anima e la personalità di Lea e Denise”. Tante le domande e gli spunti di riflessione che emergono da un’intervista che ha la forza di ricordare la vicenda di una donna «ribelle», protagonista di “una storia di rottura” grazie alla sua “sete di vita” e al suo desiderio di “realizzarsi”. “Con la sua morte”, ricorda infine Enza Rando, “Lea ha generosamente consegnato tanta vita, coraggio e amore. Tante donne che oggi fanno la sua scelta vengono fuori dalla sua storia”.

Le spettatrici e gli spettatori di Sic Magazine, nella rubrica “Tutti a scuola”, incontrano grazie a un video-selfie la professoressa Katia Mundo dell’ISIS M.M. Milano di Polistena (Rc) che ci parla di “Liberi di scegliere”, il film-Tv di Giacomo Campiotti (2019). Un’opera che racconta l’omonimo progetto (“Liberi di scegliere”) del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria che offre nuove opportunità di vita e di crescita alle ragazze a i ragazzi che nascono in famiglie di ‘ndrangheta.

Il discorso sull’immaginario prosegue nello spazio “Metropolis” in compagnia del critico Emiliano Morreale, per interrogarsi sulla questione legata alla omosessualità nell’universo culturale mafioso e sul ruolo delle donne all’interno dei clan. Morreale ricorda come la tendenza a rappresentare le donne in una “situazione di pericolo e di violenza” sia una caratteristica che nasca nel “cinema di mafia e di genere degli anni ’70” per contaminare poi la narrazione di gran parte degli sceneggiati e delle serie Tv degli anni a venire.

Le studentesse e gli studenti di Schermi in Classe proseguono la loro attività interrogandosi e riflettendo su temi decisivi per la crescita civile e democratica delle giovani generazioni. Stiamo vivendo un’esperienza giorno dopo giorno più forte, realizzata a distanza a causa dell’emergenza sanitaria. Abbiamo dato l’opportunità a studentesse e studenti e studenti di tutta Italia di confrontarsi tra di loro, offrendo un ampio punto di vista sullo stato della democrazia nel nostro Paese
Elisabetta Antognoni, presidente di Cinemovel

Il tema della puntata viene poi approfondito con la rubrica “Eco della rete”. Le pagine Instagram suggerite dalla giovane redazione sono quella del presidio dell’associazione Libera nel VII municipio della città di Roma intitolato a Rita Atria, la giovane testimone di giustizia morta suicida a Roma nel luglio del 1992 pochi giorni dopo la morte del giudice Paolo Borsellino e quella di Non una di meno, movimento femminista e transfemminista «contro la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere».

La storia di Maria Adriana Prolo, fondatrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino, è invece il cuore della rubrica “Una notte al museo”. Alessandra Aimar, referente dei Servizi didattici dell’istituzione piemontese, ricorda la straordinaria figura di questa «donna tenace, visionaria e anticonformista», mostrando la prima di una serie di iniziative a lei dedicate in occasione del trentennale dalla sua scomparsa, avvenuta nel febbraio del 1991.

In compagnia dell’attore Salvatore Esposito, protagonista della serie-tv “Gomorra” nei panni di Genny Savastano, si chiude la quarta puntata di Sic Magazine. A essere approfondito questa volta nella rubrica Rallenty è il film “Wonder” con Julia Roberts e Owen Wilson, regia di Stephen Chbosky (2017), tratto dall’omonimo romanzo di R. J. Palacio (2012). Salvatore Esposito richiama, attraverso le immagini di questa storia, l’attenzione del pubblico sul tema del bullismo e della discriminazione.

“Le studentesse e gli studenti di Schermi in Classe proseguono la loro attività interrogandosi e riflettendo su temi decisivi per la crescita civile e democratica delle giovani generazioni”, racconta Elisabetta Antognoni, presidente di Cinemovel. “Stiamo vivendo un’esperienza giorno dopo giorno più forte, realizzata a distanza a causa dell’emergenza sanitaria. Abbiamo dato l’opportunità a studentesse e studenti e studenti di tutta Italia di confrontarsi tra di loro, offrendo un ampio punto di vista sullo stato della democrazia nel nostro Paese”.

Dal 22 marzo, ogni lunedì, dalle15, su My Movies o sui canali social di Cinemovel, Libera e Mymovies si potranno seguire tutti numeri di Schermi in Classe Magazine. Le puntate sono sempre disponibili sul canale Youtube di Cinemovel.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto