mercoledì 27 Gennaio 2021

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Un marchio di garanzia per il packaging in vetro. Il “made in vetro”, il nuovo logo lanciato dall’industria europea del vetro, vuole “certificare” a colpo d’occhio le qualità ed i benefici per la salute e l’ambiente legati alla scelta di prodotti confezionati in vetro. Da oggi disponibile all’utilizzo, il nuovo logo potrà dare così un valore aggiunto a tutti i prodotti “in vetro”, bottiglie, vasi o flaconi.

Il nuovo marchio
Il nuovo marchio è stato presentato ufficialmente oggi a Bruxelles in un evento on line nell’ambito della settimana europea per la riduzione dei rifiuti, e ha visto la partecipazione dei rappresentanti dell’industria europea del vetro, insieme ad Arnaud Warusfel, Packaging Development Manager di Bonduelle, azienda produttrice di alimenti a base vegetale, e Simona Salcudeanu, ricercatrice di Insites Consulting e Eyeka Creative Crowdsourcing.
Il marchio, da utilizzare sul packaging in vetro di alimenti e bevande e anche di farmaci, profumi e cosmetici, è il risultato di uno sforzo collaborativo durato un anno tra industria, designer, clienti e consumatori per creare un simbolo riconoscibile e rappresentativo delle qualità di un contenitore in vetro: sicurezza alimentare, impermeabilità ai liquidi e ai microrganismi, sterilizzabilità, perfetta conservazione di liquidi e alimenti, fino al suo riciclo totale e infinito, che gli permette di rinascere in altro contenitore in vetro senza alcuna perdita di qualità e senza rischi sulla salute umana, indipendentemente da quante volte sia stato riciclato. Ogni elemento del logo simboleggia, infatti, l’impegno che nasce dalla scelta di un packaging in vetro, nell’ottica di un futuro sostenibile.

“In questo periodo difficile di pandemia – ha detto Marco Ravasi, Presidente della sezione contenitori in vetro di Assovetro – la tutela della salute è diventata centrale per i cittadini e la sicurezza alimentare gioca un ruolo decisivo. Ben venga dunque questo logo che visivamente rassicura immediatamente sull’integrità degli alimenti confezionati in vetro e mette in luce anche tutte le qualità ambientali del vetro, la sua riciclabilità al 100% e all’infinito”.

Un logo sostenuto dal desiderio dei consumatori per packaging sani e sostenibili
Il lancio del nuovo marchio di garanzia del vetro segue un sondaggio su 10.000 consumatori europei in 13 paesi, condotto dalla società di ricerche di mercato InSites Consulting nel 2020. Il vetro, come dice il sondaggio, piace sempre di più ai consumatori. Oltre 9 europei su 10 (91%), infatti, raccomandano il vetro come miglior contenitore per conservare cibi e bevande (+11% rispetto al 2016) e in Italia sono addirittura il 96%. Questi dati mostrano la consapevolezza ambientale raggiunta dai consumatori europei
che premiano la elevata riciclabilità del vetro, la sua ecosostenibilità, e la maggiore garanzia offerta dal packaging in vetro per la sicurezza alimentare.
Questa percezione inoltre sta guidando sempre più le decisioni di acquisto:

  •  Il 42% acquista più prodotti in vetro perché ritiene che possa essere riciclato più di altri imballaggi
  •  Il 33% lo fa perché considera il vetro migliore nel prevenire la contaminazione degli alimenti e nel preservare la salute
  • Il 31% ritiene che il vetro dia una forte sensazione di sicurezza per la salute
  • Il 30% sceglie il vetro perché causa meno inquinamento nell’ambiente naturale

Sebbene il desiderio dei consumatori di acquistare più prodotti in vetro sia alto, non sempre hanno la possibilità di farlo: l’ostacolo principale (come rivela il 27% degli intervistati) è che i loro marchi preferiti spesso non sono disponibili in confezioni di vetro.
“Questo simbolo – ha commentato Michel Giannuzzi, Presidente della European Container Glass Federation (FEVE) – segna la prima pietra miliare nel nostro viaggio di collaborazione con clienti e marchi per fornire soluzioni di imballaggio che rispondano a una crescente attenzione alla sostenibilità da parte dei consumatori. Il nostro obiettivo finale è che i consumatori di tutta Europa possano trovare questo nuovo marchio su tutti i prodotti in vetro presenti sugli scaffali, che si tratti di cibi conservati, bevande o olio d’oliva, perché scegliere il vetro significa creare un futuro più sostenibile”.
Bonduelle, leader nel settore degli alimenti a base vegetale, ha espresso il proprio sostegno per l’inclusione del nuovo simbolo nei propri prodotti. “Rappresentando sia la salvaguardia dell’ambiente che la salute – ha detto Arnaud Warusfel, Packaging Development Manager di Bonduelle – questo nuovo logo sarà uno strumento di inestimabile valore per coordinare i nostri sforzi con quelli dei nostri fornitori di imballaggi, riunendo le preoccupazioni delle imprese e del pubblico per impegnarci pienamente nella sostenibilità”.

Tutte le qualità degli imballaggi in vetro
Fatto di minerali abbondanti in natura – sabbia, carbonato di sodio, vetro riciclato e pietra calcarea – il vetro è un materiale riciclabile al 100% e all’infinito, con un ciclo di produzione che si realizza in un unico passaggio all’interno della stessa azienda. La maggior parte delle bottiglie e dei vasetti di vetro raccolti dalla raccolta differenziata viene utilizzata ripetutamente per produrre nuovi imballaggi in vetro per alimenti in un sistema a circuito chiuso. Ogni volta che una bottiglia o un vasetto viene riciclato in nuovi contenitori, si risparmiano anche energia e materie prime e viene emessa meno CO2 . Nell’UE, riciclando il vetro, ogni anno si risparmiano oltre 12 milioni di tonnellate di materie prime e si
evitano oltre 7 milioni di tonnellate di CO2 , pari a 4 milioni di auto tolte dalla
strada.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente