domenica 19 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

“L’uso di insetticidi deve essere ridotto il più possibile”

Paolo Fontana apicoltore

Tutti riconoscono il ruolo insostituibile che le api svolgono per la società umana, eppure le morìe che continuiamo a registrare sono il segnale che non si fa abbastanza per tutelarle. Ne abbiamo parlato con Paolo Fontana, naturalista, ricercatore presso la fondazione Mach di Trento, apicoltore da oltre trent’anni e autore del libro Il piacere delle api, pubblicato per Wba Project.

Dottor Fontana, perché le api sono considerate un indicatore della qualità ambientale?
L’ape mellifera, cioè quella allevata dagli apicoltori, è responsabile della gran parte dell’impollinazione dei fiori, motore della biodiversità. Per farsi un’idea, basti pensare che la produzione di un chilo di miele riguarda 22 milioni di fiori: per ognuno c’è un atto di impollinazione e dunque di riproduzione. Inoltre, circa un terzo di quello che mangiamo dipende dall’attività delle api e ci sono piante che non mangiamo ma usiamo, come il cotone. È proprio per il rapporto stretto che hanno con l’uomo che le api sono anche sentinelle della qualità degli ecosistemi. A differenza degli impollinatori allo stato selvatico, infatti, sono monitorate costantemente e ci segnalano se un ambiente è sano oppure se sono presenti inquinanti.

Che cosa si intende per morìa di api e quali possono essere le cause?
Quando si osserva un calo repentino in più alveari contemporaneamente, significa che le api bottinatrici, cioè quelle che hanno il compito di reperire il nutrimento per l’alveare, hanno attraversato un ambiente avvelenato, rimanendone vittime. Ci possono essere anche casi di spopolamento legato all’affamamento, cosa che sta avvenendo per esempio questa primavera, date le condizioni climatiche avverse e la scarsa presenza di fiori. Nel caso di malattia, invece, la morte non avviene all’improvviso e l’apicoltore non registra né un calo né una crescita dell’alveare.

Quali sono le sostanze da vietare?
Gli insetticidi, lo dice il nome stesso, servono a uccidere gli insetti. Il loro uso deve essere il più possibile ridotto e deve essere fatto in modo oculato, quando necessario. Questo è ciò che prescrive il decreto legislativo 150 del 2012: devono essere applicati i principi generali della difesa integrata obbligatoria. Quella agricola è un’attività economica, ma avendo a che fare con l’ambiente è necessaria una presa di coscienza dei rischi per la salute e un impegno a tutela della biodiversità. Dunque, più che vietare una singola sostanza, la politica e le istituzioni dovrebbero accompagnare gli agricoltori in questo percorso.

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche a Trieste, come giornalista si occupa di ambiente, e in particolare di fiumi, da oltre dieci anni. Si dedica al racconto del territorio del Friuli Venezia Giulia e del Veneto attraverso la scrittura, la fotografia e l'audiovisivo. Ha pubblicato diversi libri per Ediciclo/Nuovadimensione, tra cui "Radici liquide. Un viaggio inchiesta lungo gli ultimi torrenti alpini", 2018, finalista al Premio Mario Rigoni Stern.

Articoli correlati

Sicilia Carbon Free: la presentazione del Rapporto Isole Sostenibili

Energia, acqua, economia circolare, mobilità: le sfide per le isole minori italiane tra cambiamenti climatici e pressione turistica. Appuntamento oggi, sabato 18 settembre, alle 9.30 allo Stabilimento Florio di Favignana, oppure in diretta su questa pagina e su La Nuova Ecologia con la seconda tappa di Sicilia Carbon Free

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss
Ridimensiona font
Contrasto