Lucciole, una giornata mondiale per celebrarle

Sono insetti molto suggestivi, che l’antropizzazione sta mettendo sempre più a rischio. A loro è stato dedicato un evento mondiale ricco di attività di divulgazione, visite guidate e curiosità scientifiche / Visita il sito dedicato alle Lucciole italianeA difesa delle lucciole

di GIUSEPPE CAMERINI E TITO SACCHI

Le lucciole rappresentano di solito motivo di gradimento e fascinazione anche presso le persone che poco amano gli Insetti. La magia delle loro luci nel buio della notte è una suggestione che rimane ben impressa nella memoria, specialmente se si ha la fortuna di assistere allo spettacolo quando si è ancora bambini. Si tratta però di un’esperienza che non è sempre parte del vissuto personale, dal momento che nelle aree più urbanizzate d’Italia le lucciole sono poco comuni. E anche nel resto del mondo questi animali soffrono l’impatto derivante dall’antropizzazione dei territori. Fattori come inquinamento luminoso, agricoltura intensiva, urbanizzazione del territorio, utilizzo di insetticidi costituiscono serie minacce per la sopravvivenza di questi Coleotteri. Lo aveva già segnalato in un suo famoso articolo Pier Paolo Pasolini, quando decenni fa additava la rarefazione delle lucciole in Italia come metafora di un cambiamento epocale della società italiana e anche dei suoi stessi paesaggi.

Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della tutela delle lucciole e dei loro habitat, una rete internazionale che raccoglie entomologi e conservazionisti
(https://fireflyersinternational.net/) ha indetto il “World Firefly Day tenuto il 4 e 5 luglio 2020 in diverse aree del mondo, dalla Malaysia agli Stati Uniti, dal Portogallo alla Cina fino ad arrivare all’Italia. 

È stata un’occasione per celebrare questi insetti in vari modi, compatibilmente con le limitazioni imposte quest’anno dalle norme di contenimento della pandemia COVID in corso. Ci sono state visite guidate agli habitat che ospitano questi insetti, iniziative didattiche, performance artistiche ispirate alle lucciole. In Italia l’iniziativa ha coinciso anche con la recente attivazione del sito www.lampyridae.it che contiene informazioni su biologia, ecologia, distribuzione e fattori di minaccia relativi alle specie di lucciole segnalate in Italia (una ventina circa). A differenza di altri Paesi come il Regno Unito, la Svizzera o la Spagna, in Italia non esiste ancora una rete di entomologi e appassionati in grado di provvedere al monitoraggio di questi insetti. Allo scopo di colmare questa lacuna, il sito riporta informazioni utili a guidare le persone interessate verso il riconoscimento delle diverse specie proprio allo scopo di raccogliere informazioni utili a monitorare nel tempo la presenza di questi piccoli animali e le loro risposte ai cambiamenti ambientali in corso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE