martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Lucca dichiara “emergenza climatica”

Immagine dall'alto di Lucca

Lucca ha dichiarato lo stato di “emergenza climatica”. Lo rendono noto Claudio Cantini, Teresa Leone, Andrea Giovannelli, Jacopo Massagli, e Gabriele Olivati del gruppo consiliare di Lucca Civica: “Il Comune di Lucca ha scelto un approccio serio, basato sul dialogo con il movimento di protesta contro i cambiamenti climatici, iniziato proprio con l’ordine del giorno del 15 marzo. Adesso si dà sostanza a tale iniziativa, avviando una diversa organizzazione dell’ente comunale, improntata alla riduzione di gas serra, con la valutazione di tutte le azioni che il Comune può intraprendere nei settori di sua competenza”.

Hanno cominciato con una mozione per discutere in Consiglio Comunale sulla riduzione dell’utilizzo della plastica: “nell’ambito locale, si possono subito intraprendere alcune iniziative per ridurre l’utilizzo di prodotti monouso, con conseguente minore dispersione di rifiuti nell’ambiente. Con il contributo di tante, piccole, buone pratiche, si può produrre un grande risultato” concludono.

A Sud intanto oltre settanta associazioni salentine il mese scorso, hanno scritto a diverse amministrazioni, compresi i capoluoghi di Brindisi e Lecce, sollecitando iniziative di sensibilizzazione sul tema della crisi climatica. E le risposte non si sono fatte attendere. Il primo ad annunciare la volontà di promuovere formalmente la priorità della tutela del diritto umano al clima è stato il Comune di Melendugno, in occasione della conferenza stampa presso la Camera dei deputati a Roma del 24 maggio scorso. Ma nel giro di pochi giorni, altre amministrazioni salentine si sono mobilitate. Prima Maglie, con delibera di Giunta del 29 maggio, e poi Torchiarolo, con voto consiliare unanime del 30 maggio.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto